Vienna in tacchi a spillo: i consigli per visitare la città della drag Tamara Mascara!

di

Volete godervi al massimo la scena gay di Vienna? Seguite i consigli di Tamara Mascara, drag queen famosissima e degna erede di Conchita Wurst...

CONDIVIDI
66 Condivisioni Facebook 66 Twitter Google WhatsApp
5291 1

Tamara Mascara è una delle drag queen più famose di Vienna: da alcuni è addirittura considerata la degna erede di Conchita Wurst. Fondatrice del The Circus – tra le più grandi serate gay austriache –, è dj, disegna da sola i suoi abiti assurdi ed è imprenditrice di sé stessa: è davvero una self-made woman.

Avevamo già parlato di lei qui: se invece volete sentire i suoi consigli su cosa di bello e divertente c’è da fare in città, leggete i suoi consigli!

***

Una passeggiata tra la miriade di negozi e boutique di Mariahilfer Straße non può mancare per rendere perfetta una giornata nella metropoli danubiana. Per una pausa merita fermarsi da phil nella Gumpendorferstraße: un locale che è allo stesso tempo libreria, caffè e bar, molto amato da studenti e hipster. Per concludere piacevolmente il giro di shopping niente di meglio che il Felixx subito dietro l’angolo.

160520_wtv_tamara_642_weg-seulenhalle_wien-tourismus_rainer-fehringer
Wien Tourismus – foto di Rainer Fehringer

(Ulteriori consigli per le shopping queen sono reperibili a questa pagina web > >). 

Dopo aver sistemato gli acquisti ed essersi messi in ghingheri, si esce per la cena. Destinazione: il ristorante girevole della torre del Danubio  – il fantastico panorama a 360° è incluso nel prezzo! Per una cena consiglio caldamente anche il Café Berg, assolutamente gay friendly. Mentre chi desidera qualcosa di più elegante, non dovrebbe farsi sfuggire il The Bank Brasserie. Il ristorante aperto nell’ex sede centrale della banca serve menu raffinatissimi e drink eccellenti. Consiglio anche il locale Das Augustin: cucina fantastica a un prezzo conveniente e un ambiente intimo e accogliente – c’è persino il gatto di casa. Cosa volere di più!?

160520_wtv_tamara_514_palmenhaus_wien-tourismus_rainer-fehringer
Wien Tourismus – foto di Rainer Fehringer

Dopo una buona cena, si prosegue a festeggiare nella notte ancora giovane. La Serra delle Palme all’interno del Burggarten vi attende con cocktail sfiziosi e un ambiente imperiale. Crea drink raffinati non troppo costosi anche il pluripremiato barman Kan Zuo nel suo bar The Sign Lounge. Chi desidera qualcosa di ancora più tranquillo, prima di gettarsi nelle danze dovrebbe concedersi come me una cioccolata calda con rum al Savoy, il mitico caffè gay presso il Naschmarkt: Io lo adoro! Chi è in vena di flirtare dovrebbe fare un salto al Village Bar: qui si trovano tantissimi gay single… provare per credere!

160520_wtv_tamara_581_palmenhaus-2_wien-tourismus_rainer-fehringer
Wien Tourismus – foto di Rainer Fehringer

(Vuoi trascorrere la serata fino a tarda ora negli ambienti frequentati da gay e lesbiche, ma non sai dove andare? Qui puoi trovare una scelta di locali > >)

Una rinfrescatina al trucco e si può ripartire. Ci attende il clou della serata: ovvero lo spettacolo di burlesque “Imperial Madness” che si tiene all’incirca una volta ogni tre mesi nella discoteca Säulenhalle al Volksgarten: mi getto subito nella mischia del pubblico danzante.

160520_wtv_tamara_802_seulenhalle_aufmacher-2_wien-tourismus_rainer-fehringer
Wien Tourismus – foto di Rainer Fehringer

Ma l’evento in assoluto preferito dalla DJane è il “The Circus” alla Wiener ArenaÈ il più grande party gay dell’Austria con line-up internazionale e spettacoli al fulmicotone – un must per i visitatori gay di Vienna! Ultima tappa della notte folleggiante: il Why Not. Questa discoteca è da tempo immemorabile una stella fissa nel firmamento della scena gay viennese: ogni venerdì e sabato qui regna una grande animazione. Usciti da qui, gli instancabili che non ne hanno mai abbastanza possono recarsi ad una delle feste che si tengono fuori calendario, ad esempio al Ken Club,  la discoteca Pop più cool della città. Le drag queen che si alternano alla console creano un’atmosfera strepitosa.

Leggi   RuPaul's Drag Race, la confessione di Dusty: "Costretta a un esorcismo dai miei genitori perché gay"

(Per sapere quali altre discoteche vanno alla grande nella scena gay e lesbo viennese consulta la pagina > >)

In copertina: Wien Tourismus – foto di Rainer Fehringer

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...