Zurigo città gay: luoghi e eventi a partire dal cinefestival Pink Apple

di

L'incantevole città svizzera è sempre più una meta LGBT.

CONDIVIDI
127 Condivisioni Facebook 127 Twitter Google WhatsApp
9231 1

Con più di quattro milioni di pernottamenti – di cui 120.000 dal mercato italiano nel 2016 – Zurigo è sempre più turistica e molto gay friendly: “Siamo una città molto tollerante e attiva per la comunità lgbt” ci spiegano orgogliosi all’Ufficio del Turismo). A capo della più grande città svizzera è la socialista Corine Mauch, prima donna apertamente gay a diventare sindaco. E non dimentichiamo che a Zurigo nacque Der Kreis, Il Circolo, prima rete LGBT del mondo, raccontata nel premiato lungometraggio di Stefan Haupt. Ecco perché passare un weekend o una vacanza più lunga nella deliziosa città della Svizzera sta diventando assolutamente un must.

20° Pink Apple + White Party Weekend

Grandi festeggiamenti sono previsti per la 20esima edizione di Pink Apple, lo storico festival cinematografico LGBT di Zurigo che si svolgerà dal 26 aprile al 4 maggio per spostarsi poi nella vicina Frauenfeld, capoluogo del Canton Turgovia, dal giorno successivo fino al sette.

Tra i film annunciati, la spassosa commedia camp Absolutely Fabulous di Mandie Fletcher sulle sciroccate Patsy ed Edina (Joanna Lumley e Jennifer Saunders) e la commedia romantica Lazy Eye di Tim Kirkman. Riceveranno invece il Pink Apple Festival Award i grandi documentaristi Rob Epstein e Jeffrey Friedman del documentario cult The Celluloid Closet. L’anno scorso è stata premiata la sottovalutata regista svizzera ma naturalizzata canadese Léa Pool de L’altra metà dell’amore e, nel 2011, l’intenso doc Due volte genitori di Claudio Cipelletti.

In chiusura prenderà il via lo spumeggiante White Party Weekend sotto l’egida della dea greca dell’amore, la potente Afrodite. Sarà illuminato dallo speciale Highlight of the Night del live show di Nalaya Brown, detta la ‘voce di Spagna’. Ad alternarsi sui tre piani in cui prenderà vita la serata ben sette dj tra cui l’italo-tedesco Ricardo Ruhga.

Cosa visitare

Vi consigliamo di iniziare la visita di Zurigo dal celebre Lindenhof, una collina con vista incantevole sul centro storico, la Chiesa di Grossmünster del XII secolo e il municipio. Una vera oasi di pace e relax nel cuore della città con centinaia di splendide fontane. Nel quarto secolo vi si ergeva un castello romano e nel nono il nipote di Carlo Magno fece erigere una residenza regia. Il piazzale veniva comunemente utilizzato dagli abitanti di Zurigo per organizzare incontri. Nel 1798, per esempio, sul Lindenhof si tenne il giuramento sulla costituzione elvetica.

Da visitare anche la Chiesa di Fraumünster con le finestre dipinte nel 1917 da Marc Chagall e la Chiesa di St. Peter, col suo grande orologio. Gli amanti della lirica si trovano all’Operahouse, dove si rappresentano circa 250 spettacoli teatrali a stagione. La Rote Fabrik è invece un centro culturale particolarmente attivo.

Shopping

La via Maestra dello shopping è la celebre Bahnhofstrasse dove fanno lustro di sé le boutiques più lussuose. A metà della via, a Parade Platz, dovete assolutamente fare una sosta da Sprüngli, una delle storiche pasticcerie della città, e provare la squisita torta al cioccolato di Zurigo. In alternativa potere visitare lo spaccio della Lindt a pochi minuti dal centro, a Kilchberg, sul lungolago.

Mangiare

Al Dézaley servono specialità della svizzera-francese come la Fondue Bourgignonne e la Raclette; il Cafè Terrasse è situato in un edificio Belle Epoque e vale la pena di una sosta. Di fronte c’è l’Odeon che da un secolo accoglie la clientela gay ma anche gli artisti e i rivoluzionari; il Salle Restaurant si trova nel quartiere ovest, l’ex zona industriale, offre un menù internazionale; al Crazy Cow Restaurant la cucina tradizionale svizzera viene servita in porzioni all’americana.

Leggi   Il sindaco di Lugano: "Il Pride? Lo ospitiamo perché siamo una città aperta"

Saune e cruising

Le saune di Zurigo sono considerate tra le migliori d’Europa: la Sauna Renos Relax offre anche massaggi e solarium, il martedì e il venerdì è aperta anche alle donne; la Sauna Moustache ha anche una dark room ; l’Apollo sauna si trova nella città vecchia ed è piuttosto frequentata. Chi preferisce fare cruising può andare nella zona intorno al Muehlegasse, chiamata Bermuda Triangle. Il cruise club più in voga è il Maennerzone in Kernstrasse.

Bar/Pub Chi non vuole fermarsi a mangiare ma solo prendere un aperitivo può scegliere tra i numerosi bar gay sparsi in città: il Cranberry è uno dei locali frequentati dalla comunità LGBT; uno dei più conosciuti è il BarFüsser, aperto nel lontano 1957, uno dei più vecchi bar gay d’Europa, ha subito recentemente un rinnovamento ed al suo interno si può gustare il sushi. Oppure si può scegliere l’Heldenbar o Les Garçons. Il Cafè Centro è un luogo d’incontro della comunità lgbt. Ogni venerdì si possono gustare sandwiches, torte e caffè in un’atmosfera particolarmente rilassante. La Marktgasse è la via principale dove si concentrano il maggior numero di locali. Il Platzhirsch è un moderno cafe-bar gayfriendly nella città vecchia. Sennò si può fare un salto al Rathaus-Café con una splendida terrazza sul fiume Limmat.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...