AMARE, FINALMENTE!

di

Negarsi le emozioni per tanto tempo, poi un piccolo incontro e come una primavera tutto si risveglia.

750 0

Sono davvero stanco di vivere una vita nella totale e alienante paura, perchè in fondo sono terrorizzato dalle mie emozioni, dal mio essere. Per anni ho nascosto sempre tutto, mi sono rinchiuso sempre più in una sorta di limbo dove le emozioni non potessero entrare. Ma pochi giorni fa e per la prima volta ho messo un annuncio, ho trovato un volto che davvero e credetemi, è in perfetta sintonia con me: lentamente mi sto liberando dal dolore, dalla paura ma la voglia di scappare – e sono sempre scappato- è tanta: lui mi comprende, mi attende, mi aspetta e soprattutto non mi dà fretta. Lo so che ho 30 anni diamine, ma ho terrore, angoscia, che tutto sia un sogno, un brutto scherzo del destino, e se, poi, mi dovessi esporre troppo o meglio dovessi far uscire tutta la mia anima, allora, se fosse uno scherzo, mi sentirei travolgere. Ma in questo momento lo amo, non posso stare senza pensarlo, ci accettiamo e ci condividiamo con una forza troppo grande per essere vera; aiuta! ! mi a non scappare più perchè ho davvero desiderio di essere felice, di poter vivere finalmente in pace con me stesso, con il mio essere e forse anche con il mio altro, chissà o con altri che saranno davanti a me, un giorno. Ma sono terrorizzato e vi prego datemi una nota di sostegno perchè voglio vivere, davvero. Vi ringrazio, alex

caro Alex,

da quanto scrivi traspare un" angoscia autentica. D"altra parte se fino a oggi ti sei estenuato in questa lunga lotta contro te stesso è probabile che esistano dentro di te, o intorno a te, degli ostacoli talmente forti da renderti estremamente difficile l"accettazione del tuo orientamento sessuale. Spesso essere cresciuti in una famiglia molto tradizionalista o molto religiosa, vivere in un paese piccolo scarsamente aperto alle innovazioni, non aver avuto occasione di conoscere, neanche a distanza, esempi di persone omosessuali che vivono tranquillamente e alla luce del sole, o essere stati oggetto durante l"infanzia e l"adolescenza di ripetute aggressioni verbali o fisiche a causa di una presunta "efemminatezza", possono contribuire a farci sentite maggiormente isolati e senza speranza, in quanto omosessuali. In questi casi si può arrivare, così come forse è successo a te, a sentire che nel nostro mondo, nel nostro stile di vita, nel nostro ordine di valori, non c"è posto per l"omosessualità. C"è bisogno allora di compiere dentro noi stessi una piccola rivoluzione psicologica.

Arrivare a capire che concedersi di avere una vita sessuale e affettiva, alla quale tutti gli esseri umani hanno diritto, non è una ribellione contro l"ordine naturale delle cose, non è un abominio, ma è una legittima e positiva affermazione di sé. Forse la persona che hai contattato attraverso la rete non sarà l"amore della tua vita, ma solo un piacevole flirt. Forse invecchierete felicemente insieme, chissà. Tuttavia sono convinta che questo primo passo che stai facendo sia essenziale per la tua vita e sia allo stesso il segno che quella piccola rivoluzione psicologica, in parte, sei già stato in grado di compierla. Hai cominciato a prendere le distanze da quelle convinzioni pessimistiche che ti facevano credere che per te sarebbe stato impossibile amare e essere amato con dignità. Incontra pure quest"uomo. Fai questo primo passo con serenità, fallo con convinzione. Da perdere hai solo l"angoscia, la vergogna e un falso te stesso che ha fatto il suo tempo, da guadagnare hai l"autenticità, la spontaneità e il rompere con la solitudine. E" la cosa giusta da fare in questo momento.

Allo stesso tempo però, alla luce di tutte le difficoltà psicologiche delle quali hai sofferto nel passato, ti consiglio di farti aiutare da uno specialista, un consulente o uno psicologo, che sappia aiutarti a superare i momenti di difficoltà legati a questa importante fase di cambiamento della tua vita.

Un caro saluto.

di Mirella Sandonnini

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...