BECKHAM SI RIVELA A MADRID

di

Il giocatore ha fatto la sua prima apparizione ufficiale nella sua nuova squadra ieri. E ha spiegato perché ha scelto come numero il 23...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1211 0

MADRID – Gran calciatore. Marito di una star della musica. Icona tra le più amate dai gay, cui ha dedicato anche un’intervista con foto su una rivista omosex. E ora, anche idolo dei tifosi spagnoli. Ieri, mercoledì 2 luglio, Daivd Beckham ha fatto la sua prima apparizione pubblica come giocatore del Real Madrid, nella quale ha incontrato la stampa e mostrato al mondo la nuova maglia col suo numero: il 23.

L’avvenimento ha avuto connotati da vera cerimonia da mito: un enorme cartellone con la faccia del bel calciatore e una registrazione di Placido Domingo che canta la canzone del Real Madrid hanno creato una atmosfera da evento, nella quale Beckham ha conquistato il centro del palco circondato da una folla in delirio. Vestito con un completo azzurrino, si è accomodato accanto al presidente della squadra, Florentino Perez, che ha sottolineato lo “spirito di sacrificio, il cameratismo e la semplicità” di “uno dei migliori calciatori inglesi di tutti i tempi”.

Il giocatore ha risposto che far parte del Real Madrid “è l’avverarsi di un sogno”. Sembrava di essere in una fiaba, insomma, quando Beckham ha spiegato di aver scelto il numero 23 per condividerlo con il leggendario giocatore di basket Michael Jordan.

L’arrivo della star aveva già causato una gran confusione a Madrid, ieri, quando Beckham, dopo essere stato in una clinica privata per un controllo, si è fermato a firmare autografi e per mangiare un tradizionale panino spagnolo. Lui e sua moglie, l’ex-Spice Girl Victoria, hanno preso alloggio in una suite da 1.800 euro a notte di un lussuoso hotel del centro, dove centinaia di fan si sono assiepati tutto il giorno nella speranza di vedere la famosissima coppia.

Leggi   Obbligava i compagni a vedere i suoi video porno, squalificato il sollevatore Antonino Pizzolato
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...