DIRGLIELO O NO?

di

Capita anche nei migliori rapporti che ci sia un problemino, magari apparentemente insignificante, oppure un vero tradimento: cosa fare, in questi casi? E' vero che la cosa migliore...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
1530 0
1530 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


In ogni relazione, l’onestà è sempre la migliore condotta, o almeno questo è quello che tutti vogliono farvi credere. Ma l’onestà non è sempre la strada giusta per andare avanti, almeno non quando riguarda tutta la verità e nient’altro che la verità.

I rapporti sentimentali sono per loro natura complicati e poche relazioni sono davvero sempre schiette e leali. Stare insieme richiede molti compromessi e negoziazioni, e una buona comunicazione ha una parte vitale in questo processo. Ma non importa quanto siate uniti: bilanciare due personalità differenti, due temperamenti e due modi di sentire non è facile, e per quanto possiate provarci, la comunicazione raramente è vicina ad essere perfetta.

Quando c’è un problema, parlarne col partner non è sempre semplice come sembra. Ogni giorno sperimentiamo difficoltà, alcune più grandi, altre non catastrofiche. Ma sono spesso gli incidenti apparentemente insignificanti che si sviluppano in risentimenti interminabili e a lungo andare provocano problemi reali.

“Quando stai passando un periodaccio, non hai voglia di affrontare anche le cosette senza importanza, per paura di peggiorarle addirittura” dice un mio amico che vive da tre anni con il suo ragazzo. “Il problema è che loro crescono, e così si arriva a un punto in cui è troppo tardi per parlarne”.

Per molti, i problemi di cui non si parla, alla fine vengono a galla, spesso nella maniera più esplosiva. In men che non si dica ci si trova davanti a una reazione estrema che non sembra avere niente a che vedere con l’insignificanza della causa originale.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...