È GIUSTO DIRLO AI GENITORI?

di

Mario, 39 anni, militare, vive la sua seuualità serenamente, dopo tente sofferenze. Ma un dubbio ancora rimane: se rivelarsi ai suoi. Una mamma dell'Agedo gli risponde con le...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Sono ormai passati 13 anni da quando ho baciato il primo uomo della mia vita (mio primo Amore), oggi ho 39 anni, vivo la mia senssualità in maniera più che cosciente, razionale ed accettata, giacchè il mio lavoro mi porta a stare lontano dalla famiglia d’origine (genitori in età avanazata, 5 fratelli ed una sorella, tra l’altro mia gemella).

Per molti anni ho cercato la maniera più naturale per poter trasmettere ai miei la mia diversità, ma ahimè vuoi per il tipo di lavoro (sono militare in carriera), vuoi la patriarcalità della famiglia, vuoi per la religiosità della famiglia, vuoi per, fondamentalmente, la forte esistenza di pregiudizi, non ho mai avuto modo, occasione, attimo, per poter esternare il mio Essere!

Il mio carattere, benchè socievole, simpatico, spiritoso, sotto l’aspetto della sessualità si è dovuto indurire, reprimere.

Non aver mai potuto avere un conforto, un confronto, ma neache un dialogo, sulla diversità, a parte qualche Vero Amico (etero), non sono mai riuscito ad esternare questa mia diversità e non, come viene anche creduto, perversione diabolica.

La mia domanda è questa: "E’ giusto, od anche, è importante che i genitori sappiano?" I fratelli, le sorelle, col tempo comunque sapranno, poco potrà importare se capiranno od accetteranno, ma i genitori? Penso che se ne facciano una malattia, un patos, una colpa, fors’anche dovuta al collegare la cosa ad un tipo di rapporto sessuale, avuto in gioventù, non vissuto armonicamente.

Continuo a nutrire dubbi su questo rivelarsi ai genitori: secondo me potrebbe essere la goccia che fà traboccare il vaso e facilitarne la dipartita da questo mondo terreno. Nel ringraziare anticipatamente per la risposta, voglio solo infine dire che ammiro, lodo e gioisco di cuore sul dato di fatto che oggi, grazie a gente veramente pregna d’amore, esista un’associazione di genitori i cui figli non ripudia solo perchè diversi. Grazie!!!!

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...