GAY CONTRO LA VOLONTÀ DI DIO

di

Il disagio di un omosessuale credente: secono il confessore non è "conforme" ai dettami della fede. Ma l'esperto lo rassicura: "Confessare l’omosessualità non ha senso: è come essere...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Caro don Franco,

io mi trovo in una condizione assai strana: perchè se sento che quello che provo per il mio ragazzo è realmente vero quando mi voglio confessare avverto tutto ciò come un qualcosa di assolutamente infattibile? Il sacerdote da cui mi son confessato recentemente ha detto che tutto ciò "non è conforme alla volontà di Dio" ma io fatico a sentirmi così "non conforme".

Ciao e grazie

max

Caro Max,

e se tu ti fidassi davvero di ciò che ti dice la tua coscienza e di indica il tuo cuore? Perché ti confessi di una relazione, di sentimenti e di comportamenti che sono pienamente conformi alla tua natura? Confessare l’omosessualità non ha senso: è come confessare di essere eterosessuale.

Se tu pratichi questa forma di riconciliazione (ce ne sono altre non meno significative) e ti trovi di fronte un confessore come quello che mi hai descritto, avrai almeno il buon senso di cambiare confessore! Non è proprio il caso di infliggersi queste torture spirituali e psicologiche. Esistono molti preti documentati e competenti e non è impossibile che tu ne possa trovare uno. Non so in quale città tu abiti ma, se tu vorrai notificarmelo, potrò aiutarti.

In assenza di un confessore adeguato, in ogni angolo della terra ci raggiunge la bontà accogliente e perdonante di Dio che sa fare a meno anche dei preti. La nostra vita di fede, quando diventa esperienza adulta e matura, ha sempre più bisogno di confronto, ma si libera dalla dipendenza.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...