GAY INCAZZATO NERO

di

Famiglia benestante, intelligente e bello, pieno di amici e di ragazze che gli fanno la corte. Ma, dopo due tentativi di suicidio, scoppia la rabbia verso il mondo:...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
589 0
589 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Essere gay è un inferno. Aimè, la mia omosessualità mi sta portando alla pazzia, sono esaurito, ma anche arrabiato con la società! Io non ci stò a tutto quello che mi impone, io non ci sto a essere umiliato da gli altri, io non ci sto a essere cittadino di serie b. Sono stanco di soffrire come un cane, penso che mi vendicherò di chiunque possa farmi del male ed attentare alla mia persona. Essere gay o bisessuale (nn lo so neanche io cosa sono), mi sta portando ad odiare tutti: i miei amici che non accetterebero mai la mia ambiguità, la mia famiglia, le persone che credono in me.

All’apparenza non mi manca nulla. Ho una famiglia benestante, tanti amici, sono molto intelligente, molto bello e ammirato, ho tantissime ragazze che sono cotte di me, ironia della sorte i maschi anche quelli che mi piacciono mi riempono di complimenti e mi confondono ancora di più le idee. Anche io sono insospettabile, addiritura dicono che sono un latin lover, questo mi fa ridere, se solo sapessero.

Ho tentato 2 volte il suicidio, vado dallo psichiatra, ma non sono un pazzo, anzi sono più normale di tante altre persone che ci sono in giro. I miei genitori si chiedono perchè abbia fatto una cosa simile dicono che non mi manca nulla, che ho tutto, non ho avuto il coraggio di dirgli la verità, anche se li provoco molto su questo argomento. Altra cosa che mi danna e di essere innamorato alla follia di un ragazzo che neanche conosco bene, forse sarà una infatuazione ma mi sta lacerando l’animo.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...