IL BISOGNO DI SESSO FUORI DELLA COPPIA

di

E’ un problema comune: essere fidanzati, felici, innamorati, ma non saper resistere al desiderio di fare sesso con altri.

937 0

Gentili esperti di Leo, sono un ragazzo gay fidanzato da 3 anni. Amo teneramente il mio ragazzo e non posso stare lontano da lui nemmeno un giorno senza sentire profondo disagio per la sua mancanza.

Viviamo insieme tutto il giorno e amici e parenti sanno di noi e si è creato un rapporto stupendo con tutti loro, se non che, ogni tanto, io sento il bisogno di avere incontri sessuali (solo ed esclusivamente a sfondo sessuale) con altri. Quando poi torno dal mio ragazzo, mi sento un verme ed ho i sensi di colpa e prometto a me stesso di non farlo mai più, ma appena se ne ripresenta l’occasione ci ricasco e lo tradisco di nuovo. Tra l’altro facciamo l’amore spesso e con molta dolcezza e molti riguardi. Il punto è che lo amo e non potrei stare mai senza di lui, ma allora perché mi succede tutto ciò? Grazie per l’aiuto. Vi saluto. Andreas

Caro Andreas,

Ti ringrazio per la sincerità della tua lettera. Quel che appare dalla tua lettera è che le pulsioni che provi per altri sembra che ti governino, ti guidino inevitabilmente ad atti indesiderati e che la tua volontà scompaia di fronte a questa abitudine incontrollabile. Il senso di colpa ti assale solo dopo l’atto sessuale, quando ritorni dal tuo fidanzato e ti vedi come il "traditore", come colui che inganna la dolcezza e la passione del vostro rapporto con i tuoi fugaci e nascosti rapporti sessuali.

Probabilmente non riesci neanche a pensare anticipatamente di "non fare qualcosa di cui poi pentirsene" perché quando ti si presenta l’occasione, l’impulso sessuale ti sovrasta più del rimorso che da li a poco proverai. Il tuo mondo interno è costellato da dinamiche cicliche tra istinti e sensi di colpa (tra ES e Super-Io direbbe qualche viennese), "schiacciando" il tuo Io che riesce solo a chiedersi perché questo accade.

I sentimenti di attrazione sessuale che proviamo costantemente nel tempo per una varietà di partner, sono certo parte dei nostri bisogni fisiologici primari, ma li mettiamo in atto perché hanno un significato psicologico importante per noi stessi: ad esempio, per trovare conferma della nostra appetibilità fisica, per alleviare la nostra ansia o semplicemente per trascorrere piacevolmente del tempo libero. Il sesso è un grande "mezzo di trasporto" dei sentimenti più inconsapevoli: riesce ad esprimere e a veicolare la nostra voglia di libertà, di successo, di conoscenza ma anche la nostra rabbia, frustrazione, tristezza verso noi stessi, gli altri, il mondo.

Il sesso può essere un modo (efficace o meno) per gestire lo stress da lavoro, rivendicare la propria autonomia dal partner, affermare le propria capacità di conquista sull’altro, o semplicemente trascorrere del tempo che apparirebbe altrimenti noioso. Il problema è quando il sesso diventa l’unico ed esclusivo modo che abbiamo per raggiungere questi risultati. In questi casi il sesso diventa un’ abitudine forzata, una forma di dipendenza, che non assolve più alle funzioni iniziali ma persevera in quanto tale, che si autoalimenta da solo. Quando il sesso diventa dipendenza, non lo si fa per piacere ma anche controvoglia, non lo si fa consapevolmente ma trascinati dall’abitudine.

Non so se questo è il tuo caso. Ma per sbloccare questa situazione e il ciclo degli atti e dei sensi di colpa devi prima riconoscere quello che ti sta succedendo. In che contesti ambientali o situazioni emotive hai più voglia di rapporti con altri? Come ti senti prima del sesso con altri? Cerca di capire i sentimenti e le motivazioni che ti spingono a fare sesso impulsivamente. E poi come gestisci questo con lui? Rischia di minare il rapporto? Questo tuo bisogno ti porta a mentire o a camuffare tuoi stati d’animo con lui? Vedi di parlarne con il tuo partner di questo tuo "bisogno": se affrontata bene la questione, riuscirai forse ad alleviare il senso di colpa. In ogni caso impara a guardare a quello che ti succede con più comprensione di te stesso e meno biasimo.

di Luca Pietrantoni

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...