IL PIACERE DEL PARTNER

di

Quando dare piacere è più importante di prenderlo.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Salve,

dato che vorrei una risposta veramente sincera, sarò molto sincero.

Mi chiamo Fabry e, pur avendo 22 anni, sono alla prima esperienza da gay.

I problemi dell’ "accettarmi" sono stati il tema della mia vita fino ad ora, ma adesso il problema è tutt’altro.

Mi sono "innamorato" di un ragazzo di 17 anni. Questo amore non è completamente ricambiato (ancora, spero!), ma sta vivendo uno strano stadio.

Lui odia il suo BELLISSIMO corpo e odia farsi vedere in giro. Ciò ha portato a vederci solo pochissime volte.

Arrivo subito al punto. A letto, nelle tre volte che ci siamo visti, Lui ha raggiunto 8 volte l’orgasmo, io solo 2, ed entrambe "da me". Anche durante la penetrazione il mio corpo non "reagiva" (non ho provato tante sensazioni).

Non so se il problema è fisico o mentale. Lui mi ha detto che non "provo" molto forse perchè la pelle lì è molto spessa (può mai essere?).

Il fatto di non "sentire" molto non mi pesa affatto. Godo molto quando Lui prova piacere su di me, ma la mia domanda è proprio questa: "Sono normale o, comunque, è normale, in casi come il mio, godere e sentirsi appagati soltando facendo godere il partner".

Infatti, io mentre sono con Lui sto benissimo, soltanto quanche volta ripensando a quello che abbiamo fatto mi viene da pensare che potrei per Lui essere soltanto una valvola di sfogo dei suoi ormoni. Questo mi fa sentire male.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...