L’IRA DEL PADRE

di

Come parlare a un padre incapace di accettare?

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Salve

La mia più che una domanda è un aiuto…. non so… comunque la mia situazione è questa: ho 20 anni e da 3 sono fidanzato con un ragazzo più grande di me. Il fatto è che grazie a delle voci del mio piccolo paese, mio padre si è insospettito sulla mia sessualità; lui a differenza di mia madre non sa nulla, nell’ultimo periodo era sempre più insistente a sapere se ero gay…. Ma io gli ribattevo di no, (non perchè non mi accetto, ma perchè ancora sono totalmente dipendente dai miei, faccio l’università!), poi l’altro ieri mi ha messo alle strette… e dopo 40 minuti di parole ho ammesso la mia sessualità…. Mai l’avessi fatto… ha detto tutto quello che si poteva dire.. "era meglio che mi davi una coltellata", "da che mondo e mondo gli uomini vanno con le donne", "hai distrutto tutto", "io riponevo le mie speranze su di te" ecc eccc (ps mio padre è un don Giovanni di prima cadegoria). Io ho cercato di ribattere ma nulla. E ovviamente mi ha detto che le possibilità erano due: o cambiavo o mi cacciava di casa, mi potevo scordare l’università e da lui non mi dovevo più aspettare una lira! Io gli ho spiegato che non è una malattia, che non è che uno si sveglia e vuole esser gay, è che non c’è nulla di male… Ma lui me l’ha detto chiaro e tondo, "non lo posso accettare!!!"

La sera ha parlato con mia madre (che non ha nessun potere decisivo nella coppia) e lei si è dovuta subire l’ira di mio padre che diceva che voleva ammazzare Roberto il mio compagno (lui lo conosce e gli era anche simpatico), il giorno dopo abbiamo riparlato e lui era sempre sul suo fronte: o cambi o vai via. Io ho cercato di dirglielo in tutte le lingue, ho cercato di esser il più calmo possibile per arrivare alla sua coscienza sperduta nella sua ira…. ma nulla! Anzi… Poi in un momento si è messo a piangere dicendo "l’unica cosa che mi dispiace è per il tuo nonno (suo padre) che se non era malato non so che t’avrei fatto!" e poi mi ha detto "era meglio che il cancro prendeva a te che alla tua nonna" (sua madre)…

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...