MAI PROVATO CON UNA DONNA?

di

Molti di noi, in un momento almeno della loro vita, sono stati attratti da una donna, e alcuni hanno anche provato ad andarci a letto. Ma questo fa...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
585 0
585 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Pochi di noi sono completamente eterosessuali o interamente omo: il rapporto Kinsey, che è un punto di riferimento ancora fondamentale, proponeva l’idea che le persone si sistemassero in una collocazione all’interno di un ampio margine ininterrotto di possibili orientamenti sessuali. A un estremo, c’è il "totalmente eterosessuale, e mai nemmeno un pensiero gay". All’estremo opposto c’è il "gay, esclusivamente gay, e grazie tante". Ma la maggior parte di noi si colloca in un qualche punto compreso fra questi due.

Dal momento che la sessualità non è categorica, l’equilibrio esatto di orientamento potrebbe tranquillamente variare a seconda dei periodi. Per esempio, c’è qualcuno che dice: "quando ero al liceo, facevo sesso anche con le ragazze. Ora solo coi ragazzi, e anche se posso riconoscere che una certa donna è attraente, non mi attira per niente". La maggior parte di noi si è sentito attratto da entrambi i sessi, nel corso della propria esistenza, e alcuni di noi si sono anche dati da fare tanto con le donne quanto con gli uomini.

Ma questo vuol dire che siamo "bisessuali"?

Beh, sì e no. Ai nostri giorni, anche se i bisessuali dichiarati si fanno sentire sempre di più rendendosi visibili, ci sono ancora molti malintesi e confusione.

Da una parte, è una questione di etichette. Una persona che normalmente si considera etero convinta, può avere un’esperienza omosessuale, magari come quelli che dicono "amico, l’altra sera ero ubriaco" il giorno dopo un appagante rapporto orale. Ma questo vuol dire che ha avuto un’esperienza sessuale di tipo "bisessuale"? Beh, sì. E questo fa di lui un "bisessuale"? Beh, probabilmente lui direbbe di no. "Etero", "gay" e "bisex" non sono solo termini in grado di descrivere la sessualità, ma anche etichette che in qualche modo auto-proclamano un’identità. Così, allo stesso modo, un ragazzo che si identifica come gay dice: "Ero a una festa mista, già arrapato da un tipo che mi girava intorno, quando una ragazza si è messa a corteggiarmi, e io le ho dato spago. Allora lei mi è cascata fra le braccia e io ci sono stato. Me la sono cavata bene, anche perché lei sapeva sicuramente condurre la situazione. Ma questo fa di me un bisessuale? Credo proprio di no".

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...