MALATI DI CYBERSEX

di

Il sesso online dà dipendenza: una ricerca

1295 0

Il sesso prende la mano. Anche il cybersex. Così non sorprende se molti uomini si sentono addirittura dipendenti da internet per la loro attività sessuale. Secondo un sondaggio online sulle usanze cibernetiche, infatti, circa il 6,5% degli utenti di internet maschi, sono così presi dal loro comportamento online, che questo sta influenzando negativamente le loro relazioni offline. Il sondaggio, condotto da MSNBC e dal Marital and Sexuality Centre di San Jose, California, ha rivelato che questo gruppo di utenti di internet sono impegnati in attività cyber-sessuali per una media di 5,7 ore alla settimana, circa due volte più della maggior parte degli uomini intervistati.

Al Cooper, uno psicologo che ha collaborato alla conduzione dell’inchiesta, ha detto alla Reuters che spendere più ore alla settimana sui siti porno e nelle chat room a tema sessuale, è un indicatore molto chiaro di una incapacità di avere relazioni sessuali che non avvengano online. Cooper ha aggiunto che molti di coloro che riportavano segni di coercizione al cybersex, riferivano anche un declino nell’attività sessuale con i partner offline.

Alcuni scienziati pongono dubbi sulla validità dei risultati, secondo quanto riportato da Reuters, e gli editori di MSNBC hanno detto che i risultati del sondaggio non rappresentano dati "strettamente scientifici". Lo studio delle abitudini sessuali online è relativamente nuovo, e la comunità medica sta ancora mettendo a punto le definizioni e il modo di trattamento di questa particolare condizione.

«E’ un fenomeno ancora molto giovane – ha detto il dottor Jerrold Polansky, psichiatra presidente della commissione dell’educazione del Gay and Lesbian Medical Association (GLMA) – La nomenclatura di questo fenomeno si sta ancora sviluppando». Polansky ha detto che per ora preferisce definirlo come un "comportamento sessuale fuori controllo" che può colpire la vita di una persona, come una dipendenza. Per esempio, una persona compulsiva nei suoi comportamenti sessuale online, può soffrire di una perdita di interesse per l’attività sessuale con un partner, oppure una inabilità a essere sessualmente eccitato al di fuori dell’uso di internet. Altri sintomi della condizione possono essere andare a letto troppo tardi senza poi riuscire ad alzarsi per andare al lavoro la mattina, mentire o essere particolarmente riservati riguardo alla propria attività in internet, o avere difficoltà finanziarie a causa dell’utilizzo di internet.

Polansky raccomanda agli uomini che credono di poter perdere il controllo dei loro comportamenti cyber-sessuali di rivolgersi a un buon psicoterapeuta, o di parlarne con un amico sensibile, nel quale si nutra fiducia. O al limite, potete rivolgervi agli esperti di LEO.

di Gay.com

Leggi   Sesso gay nei bagni pubblici: inaugura la mostra
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...