NELL’INTIMO DEI MASCHI

di

Underwear a pelle, slip a pantaloncino che mostrano tutte le forme. Canotte aderenti e trasparenti. Perfino slip di pailettes. Impazzisce l'intimo maschile e le proposte si fanno sempre...

1448 0

Come la braghetta nel Rinascimento, così l’intimo maschile dell’ultima moda vuol far risaltare le forme e mettere in rilievo quello che non si vede ma si può tranquillamente immaginare e senza più nemmeno troppa fantasia. Basta andare in palestra, sulla spiaggia, o trovarsi qualcuno di fronte in mutande per avere un nude-look ben poco immaginario. E’ l’intimo dell’uomo sportivo, underwear tutto in tessuti naturali, creato dagli stilisti più all’avanguardia. Ed evidenzia le forme tramite un particolare effetto ‘push up’, che significa ‘tirare su’: che cosa non ci vuole molto a immaginarlo. Irrimediabilmente out ormai da tempo, i boxer larghi dovranno sparire dal cassetto di qualunque uomo voglia seguire la moda. Per lui, slip a pantaloncino aderenti e canotte tagliate come t-shirt a pelle. Le parole d’ordine sono funzionalità, comfort e comodità, ma senza rinunciare a mettere in mostra tutto quello che si può.

I colori sono sempre quelli: bianco, nero e soprattutto grigio, ma si stemperano in giochi di trasparenza che usano i cotoni più sottili ed elastici per lasciare sempre meno spazio alla fantasia. Una collezione di intimo seduttiva e edonista invade dunque palestre e spogliatoi, per un’estate all’insegna de corpo il più possibile esibito, seppur con finta discrezione.

In alcuni casi l’eccesso è la regola: Coveri lancia il tanga in pailette, acquistabile solo via Internet al sito Virtual shop di Coveri. Il tanga in pailettes promette di essere solo il primo di una lunga serie di accessori-feticcio che saranno lanciati sul web dalla casa di moda fiorentina.

Ma chi indosserà il tanga di paillettes? Non solo gay, promettono da Coveri. Il bellissimo David Beckam, ad esempio, marito della spice Victoria, ha dichiarato di recente in un’intervista che ama indossare spesso il tanga della moglie. Chissà. Da

Coveri avranno pensato anche a lui. Ma ricordate: per indossare il tanga di paillettes, oltre ad una notevole dose di spirito trasgressivo e autoironia, ci vuole anche un fisico che se non è proprio perfetto come quello di David Beckam poco ci manca…

di Demetrio Fury

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...