PIERCING AL PENE: RISCHI HIV

di

Avere un anello o altre borchie al pene può aumentare le probabilità di trasmissione del virus Hiv anche nel rapporto orale attivo. Lo afferma uno studio australiano.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
1618 0
1618 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Generalmente si pensa che il rischio di trasmissione dell’Hiv durante il sesso orale sia molto basso, e quasi inesistente per il partner “insertivo”, vale a dire quello che viene succhiato. Tuttavia i rischi potrebbero essere considerevolmente maggiori per chi ha un “Prince Albert” (l’anello infilato in cima al glande) o altri piercing al pene. Ad affermarlo è un nuovo studio condotto da ricercatori australiani, in cui 75 uomini di Sydney che hanno preso l’Hiv tra il 1993 e il 1999 hanno risposto a approfonditi questionari per stabilire la causa più probabile del contagio.
Di questi, circa l’80 percento, cioè 59 uomini, hanno riferito che il comportamento più probabilmente a rischio da loro fatto era sesso non protetto, e uno di loro ha anche riferito di aver condiviso materiale per l’uso di droghe.
Escludendo i comportamenti “ad alto rischio”, restano 16 soggetti. Di questi, 11, cioè il 15%, hanno riferito di aver fatto sesso anale con il preservativo e i ricercatori suppongono che lo sfilamento o la rottura del profilattico sia stata la causa più probabile di trasmissione dell’Hiv.
Gli altri cinque uomini hanno riferito solo di aver fatto sesso orale, e quindi i ricercatori suppongono che potrebbero essere probabilmente casi di “suck and swallow”, letteralmente “succhia e ingoia”. In poche parole, praticando sesso orale questi ragazzi sono probabilmente venuti in contatto diretto con lo sperma del partner.
Tuttavia tre uomini, cioè il 4% hanno riferito solo di essere stati “attivi” nel rapporto orale, ma tutti loro avevano un piercing genitale rimarginato.
I ricercatori commentano: “Le lacerazioni nella integrità della pelle come i piercing ai genitali possono costituire una breccia anche quando la pelle è apparentemente rimarginata sulla superficie, dal momento che la presenza di una borchia o un anello metallico può provocare a lungo andare una infiammazione subclinica”.

di Gay.com UK

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...