POCO SPERMA, È NORMALE?

di

Dopo i confronti con i partner, un lettore si preoccupa: "Le mie eiaculazioni sono scarse e deboli. E' colpa del varicocele?". L'esperto fa chiarezza.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
1268 0
1268 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Gentile dott. Allegrini,
le scrivo per un piccolo, e forse insignificante, problemino sul quale vorrei comunque fare luce. Le mie eiaculazioni, sia in seguito a masturbazione (solitaria o con il partner), sia in seguito a rapporti orali, sono normalmente piuttosto scarse. Inoltre la “potenza” con cui lo sperma esce è piuttosto debole. Queste variabili cambiano ovviamente in base all’eccitazione, ma restano comunque sotto a quella che posso considerare una media in base ai partner che ho avuto. So che si tratta di variabili molto personali, ma mi chiedevo se per caso potessero essere influenzate anche dal varicocele, di cui mi è stata riscontrata una possibile presenza tempo fa, che non ho più approfondito con ulteriori esami (spermiogramma).
Grazie per l’aiuto e per la chiarezza che potrà fare anche su questo piccolo problema!
Alessandro

Caro Alessandro,
come giustamente tu stesso sottolinei la quantità di sperma prodotto varia da persona a persona e, nella stessa persona, da momento a momento. La quantità minima di sperma considerata normale è di 2 millilitri (ma alcune persone ne producono anche 6, cioè tre volte di più…), non esiste invece un parametro che misuri la “potenza” (del resto gli spermatozoi non debbono vincere una gara di salto in alto!).
Il varicocele è una dilatazione delle vene spermatiche (generalmente del testicolo sinistro) che si può diagnosticare con la semplice visita quando è pronunciato altrimenti con un eco-doppler. Il varicocele può dare dei problemi di sterilità e questo spiega perché ti era stato chiesto uno spermiogramma (si voleva valutare il numero e lo stato degli spermatozoi). Il mio consiglio è che tu faccia una visita andrologica che stabilisca se hai effettivamente un varicocele, l’andrologo ti chiederà di sicuro di fare uno spermiogramma e quello è il momento di dire all’andrologo la tua impressione sul volume dello sperma perché in questo caso l’andrologo misurerà anche alcuni ormoni nel sangue e potrà fare una diagnosi precisa e suggerirti una terapia. Se finora non hai fatto la visita andrologica per timore di dire che sei gay tieni presente che non è necessario che tu lo dica né devi pensare che l’andrologo possa capirlo dalla visita o dagli esami che ti chiederà.
Ciao 🙂
Francesco Allegrini

di Francesco Allegrini

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...