SCI E BASCKET

di

Russe diversamente protagoniste nella gara 4x5 a tecnica mista di Coppa del Mondo e nella penultima partita valida per la qualificazione dell'Europeo di bascket.

753 0

A Beitostolen azzurre quinte nella 4×5 a tecnica mista di coppa del Mondo vinta dalle finlandesi. L’ultimo insuccesso russo in una staffetta femminile risale all’8 dicembre 1996 a Davos, in Svizzera, dove la vittoria delle norvegesi mise fine a una serie di successi russi arrivata a 13. Ora, è stata la Finlandia ha rompere il tabù, battendo nella 4×5 a tecnica mista allo sprint, appunto, la Russia e firmando così la prima staffetta della stagione di coppa del Mondo femminile. In volata Kaisa Varis ha preceduto la campionessa olimpica Julia Tchepalova. Al terzo posto la Svezia staccata di 58"8 e al quinto l’Italia a 1’14"7. Il quartetto composto da Paluselli, Paruzzi, Belmondo, Valbusa è stato preceduto purtroppo dalla Norvegia nel finale, grazie alla rimonta di Bente Martinsen Skari. Per la Finlandia si tratta della settima vittoria in staffetta femminile.

E, a Mosca, le azzurre del bascket perdono 76-55. Per andare all’Europeo, devono vincere in Finalndia e sperare nella sconfitta dell’Ungheria. Erano

preparate a un’impresa difficile, quasi improba, e infatti non è riuscita. La nazionale femminile esce sconfitta 76-55 dalla sfida con la Russia, penultima partita di qualificazione europea in vista dell’Europeo del 2001 in programma in Francia. A questo punto diventa fondamentale per le azzurre vincere martedì in Finlandia e sperare che la Russia non perda in Ungheria in un match che per per le ragazze di Evgeny Gomelski non ha più alcun significato. Nonostante il punteggio condanni la squadra italiana in maniera netta, per almeno un tempo l’incontro è stato serrato e le azzurre forse possono anche recriminare qualche errore veniale nel primo tempo che avrebbe potuto mandarle al riposo in vantaggio. Si parte con un 8-2 per le padrone di case, quindi reazione italiana con Nicosia e Zara prima e con Gardellin che è l’artefice del 19-19 al termine del primo quarto. Le ragazze di Corno difendono con vigore, recuperano diversi palloni e attaccano bene quando le russe si mettono a zona, però le nostre lunghe sbagliano oltre il lecito sotto il canestro avversario. Prima del riposo Paparazzo sbaglia il tiro del meno uno e alla sirena siamo 35-30 per le russe. Si torna in campo e Stepanova sigla un parziale di 7-0 devastante. Balleggi commette il quarto fallo e il quintetto piccolo, complice qualche tiro forzato, non riesce a rimettere in piedi le sorti della partita. La Russia dilaga e l’Italia ora deve sperare in un doppio risultato favorevole nel turno di mercoledì. Aldo Corno dice: "Con la Russia devi giocare bene 40 minuti, noi lo abbiamo fatto per venti. Poi una volta sotto di dieci non era facile recuperare. Ora dobbiamo pensare alla partita con la Finlandia. Gomelski, il loro coach, promette che andranno là per vincere. Speriamo sia così”. A noi resta che tifare per loro: Forza ragazze!

Girone A:

Slovacchia-Bosnia 82-56

IsraeleGrecia 67-79

Classifica: Slovacchia 10, Bosnia, Grecia 4; Israele 2

Girone B:

Lituania-Germania 91-79

Romania-Danimarca 85-78

Classifica: Lituania 10; Romania 6; Germania 4; Danimarca 0

Girone C:

Ungheria-Finlandia 86-56

Russia-Italia 76-55

Classifica: Russia 10; Ungheria 6; Italia 4; Finlandia 0

Girone D:

Spagna-Bulgaria 72-57

Repubblica Ceca-Lettonia 71-44

Classifica: Spagna 10; R. Ceca 8; Lettonia 2; Bulgaria 0

Leggi   La lettera di un papà contro le bambine che giocano a calcio: "Mio figlio ha diritto a una squadra di soli maschi"

Girone E:

Ucraina-Turchia 73-57

Jugoslavia-Croazia 74-88

Classifica: Ucraina 8; Croazia 6; Jugoslavia 4; Turchia 2.

di Elle

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...