SCOPERTO DAI GENITORI

di

Hanno indagato, hanno chiesto agli amici, e alla fine sono arrivati alla verità: da allora è cominciato l'inferno. Il dramma di un ragazzo di 18 anni e il...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Ciao, sono un ragazzo di 18 anni, studente e vivo in piccolo paese nelle provincia di Viterbo. I miei genitori da un po’ di tempo anno scoperto che sono gay! Hanno telefonato a casa del mio ex ragazzo (che per fortuna era già dichiarato) e hanno fatto molte domande, arrivando alla fine a capire che sono Gay!

Da quel giorno in poi la mia vita e diventata un vero inferno, mi seguono, mi telefonano ogni 5 minuti sul cellulare e addirittura telefonano a casa dei miei amici per sapere dove sono e cosa faccio (i miei amici, almeno alcuni, sanno che sono gay).

Vorrei poter trovare una soluzione, vorrei riuscire a far capire ai miei genitori che devono accettarmi per quello che sono: gay e felice di esserlo!!! Spero in un vostro aiuto o consiglio.

ciao

Stefano

Caro Stefano,

anzitutto resisti, difenditi, discuti. Meglio la guerra che un silenzio glaciale. Il momento è favorevole, perché la stampa ne parla, e nel modo giusto. Ti segnalo 2 articoli a tutta pagina sul Corriere della Sera il 24 e il 27 marzo e uno sul suppl. Salute di Repubblica del 21 marzo. Fai leggere ai tuoi genitori tutto quello che puoi, p. es. i libri della nostra bibliografia, a cominciare da quello di Paola e Giovanni Dall’ Orto: Figli Diversi. A Bagnaia (VT) abbiamo un amico generoso e combattivo che potresti contattare piu’ da vicino, ti mando tutti gli estremi.

Ricordati che non sei solo, caro Stefano, e che quasi tutti i ragazzi come te passano per questo calvario, con genitori che non capiscono. Tu cerca di capire loro, il loro sgomento a cui è seguita una reazione aggressiva perché sperano di poterti cambiare, ci vuole del tempo affinché si informino, si liberino dei pregiudizi e delle preoccupazioni che tutti noi genitori abbiamo avuto, prima di capire e accettare. Se vogliono parlare con noi, siamo a disposizione.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...