TRAVESTIMENTI SEGRETI

di

Il bisogno di vestirsi da donna: perché?

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
742 0
742 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Cari amici,

Mi travesto segretamente da sempre, ho più volte detto basta, ma sono regolarmente ricaduto in questa tentazione.

Sono sposato, e mia moglie è una donna splendida. La mia vita familiare lo è altrettanto.

Tutto funzionerebbe bene, se non fosse per questo istinto di essere donna. Non provo alcuna eccitazione nel travestirmi, solo una serenità ed una felicità interiori senza eguali, accompagnate da un eguale sconforto per ciò che mi succede.

Ci sono vie d’uscita?

Sono un transessuale mancato?

Un sentito ringraziamento in anticipo

Un comportamento sessuale viene considerato deviante o patologico quando una parte maggioritaria o culturalmente influente della società tende a disapprovarlo. In effetti, anche le etichette diagnostiche, in questo campo, presuppongono dei giudizi di valore: si inseriscono tra i disturbi mentali quelle attitudini o comportamenti che violano leggi implicite o esplicite che regolano la sessualità. L’ultima edizione del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM IV) classifica il travestitismo tra le parafilie (quelle che un tempo erano definite perversioni) e, in particolare, lo definisce una forma di feticismo, che si manifesta prevalentemente in uomini eterosessuali.

Talvolta il travestitismo può essere accompagnato da eccitazione e fantasie sessuali e può anche culminare nella masturbazione. In altri casi, invece, il travestitismo rappresenta una strategia appresa per caso nell’infanzia o nell’adolescenza per tenere a bada sensazioni crescenti di ansia o depressione, in quei casi chi si traveste sperimenta una piacevole sensazione di pace e tranquillità. Alcuni autori hanno anche cercato di individuare una possibile origine del comportamento di travestimento: si tratterebbe di un tentativo inconscio di negare le differenze tra i sessi allo scopo di salvaguardare la propria identità maschile (o femminile). C’é anche chi ha sostenuto che, in generale, tutti coloro i quali mettono in atto dei comportamenti sessuali atipici in maniera costante soffrono di una insicurezza di fondo riguardo la loro identità di genere, si sentono inadeguati come uomini (o come donne).

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...