TU NON SEI GAY!

di

Il fratello lo sfida a dimostrarglielo

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


La sera del 31 dicembre iniziai il mio coming out con mio fratello, ma non glie lo dissi completamente. Fu il primo gennaio sera, verso l’una, che finalmente trovato il coraggio glie lo dissi, tra le lacrime ed il pianto. Ciò perchè avevo paura della sua reazione. Che poi a dire il vero l’ha presa meglio di come potessi pensare, o quasi.

Ed ora la cosa più strana è che mio fratello non mi crede, infatti dice che non è possibile, che io, il quale facevo battute piccanti e spinte sulle ragazze e via dicendo, fossi gay. La verità era solo, gli dissi, perché volevo che nessuno potesse saperlo e caso mai che qualche dubbio fosse da questo comportamento vanificato; e che se ora l’ho detto solo a lui è solo perchè voglio almeno con un mio parente essere sincero.

E qui in un certo qual senso nasce il problema.

Mio fratello dice che è un periodo che passerà perchè a tutti capita di fare qualche sogno omo (ha detto che qualche volta è capitato pure a lui) e che secondo lui credo di esser gay solo perchè sentendomi rifiutato dalle donne per il mio fisico mi sono avvicinato agli uomini.

Non gli ho detto la verità di come ho fatto ad accorgemene che sono gay, ma glie l’ho fatto capire, ma nonostante ciò resta titubante. Ora mio fratello m’ha posto un problema: ovvero fino a pasqua di fare un sacrificio, quello di non collegarmi a siti gay e di non entrare in chat gay e poi veder se al termine di ciò sia ancora gay. Ciò perchè pensa che chattando con gay possa esser in un certo qual senso plagiato.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...