UN GAY NELL’ARMA

di

La lettera di un carabiniere gay a Leo: «rischio il licenziamento?»

804 0

Ciao Leo,

Mi chiamo Fabio, sono un ragazzo 24enne e svolgo il mestiere di carabiniere. Penso che questo mestiere sia incompatibile con il mio orentamento sessuale ma comunque è pur sempre un lavoro (sai bene i problemi della disoccupazione). In tutti i casi non lavoro soltanto per motivi economici ma anche perché sinceramente è un lavoro che mi appassiona, tanto è vero che all’inizio decisi di intraprendere la carriera militare nell’Arma per avere delle soddisfazioni nel lavoro dato che a quel tempo nell’amore non mi andava troppo bene (la mia prima storia è andata a rotoli in un niente, non ti dico i tempi di recupero…tutt’ora, dopo 3 anni lo penso!). Semplicemente ho paura di perdere il lavoro se si venisse a sapere di me…sarebbe uno scandalo! So anche che non si possono licenziare persone per le loro tendenze sessuali ma è comune che è facile trovare una scusa (anche la più stupida) pur di buttare fuori "una mela marcia" (specie in ambito militare).

Cosa devo fare? non voglio perdere il lavoro, non voglio fingere di essere etero per tutta la vita e non voglio dare/procurare scandalo a nessuno!

ciao!

Caro Fabio,

rispondo ora alla tua lettera, dopo che la canzone di Principe e Socio M (Targato NA) a Sanremo ha contribuito a fare venire alla ribalta situazioni come la tua.

Il regolamento che disciplina il servizio dei carabinieri nell’Arma non fa alcun riferimento né in generale all’orientamento sessuale, né in particolare all’omosessualità. Dunque, sembrerebbe non doverci essere alcun problema, ed infatti si conoscono tantissimi carabinieri omosessuali.

In realtà, però, il vostro regolamento fa esplicito riferimento alla "moralità" di chi vuole entrare o rimanere nell’Arma e sotto questa dizione alcuni potrebbero farci rientrare anche "i corretti cmportamenti (etero)sessuali", come i soli "corretti" e "morali". Noi sappiamo che non è così, che moralità e immoralità non hanno a che fare con l’orientamento sessuale e si distribuiscono in egual misura fra etero ed omo, ma non mancano precedenti di tentativi di allontanamento di carabinieri sol perché si è saputo che erano gay.

Che fare? Il mio consiglio è: vivi la tua vita, frequenta gli amici di sempre, tieni le tue relazioni con chi vuoi. Senza esibizionismi, ma senza nasconderti. Alla fin fine, se sarai un bravo carabiniere (così come per il bravo insegnante o il bravo bancario ecc.) nessuno si azzarderà a rimuoverti; se qualcuno ci provasse, ci sono rimedi giuridici contro simili atti di discriminazione.

Avv.Ezio Menzione

di Ezio Menzione

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...