Anche a Milano la petizione per il registro delle unioni

Dopo Roma, anche a Milano l’associazione Certi Diritti lancia la raccolta di firme per le deliberedi iniziativa popolare che istituiscano il registro delle unioni civili e le pari opportunità

Durante una conferenza stampa tenutasi oggi a Milano, l’Associazione Certi Diritti ha lanciato una raccolta di firme su due delibere di iniziativa popolare che puntano una ad istituire il registro delle unioni civili nel capoluogo lombardo e l’altra a garantire pari opprtunità a tutti i cittadini. A presentare l’iniziativa c’erano Yuri Guaiana, segretario di Certi Diritti e Leonardo Monaco, anch’egli iscritto all’associazione.

Nel dettaglio, la delibera sul registro delle unioni civili, qualora raggiungesse il numero di firme necessario, oltre ad introdurre il registro in questione impegna assessorati e uffici competenti a tutelare e sostenere le unioni civili, "al fine di superare situazioni di discriminazione e favorirne l’integrazione e lo sviluppo nel contesto sociale, culturale ed economico del territorio".

Il testo sulle pari opportunità, invece, impegna il Comune a contrastare e prevenire le forme di discriminazione basate sul genere, la disabilità, l’orientamento sessuale, l’età, l’etnia e il credo religioso "anche attraverso l’istituzione di un settore specifico che svolga funzioni di monitoraggio, ricerca e assistenza alle vittime di discriminazioni dirette e indirette.

Alla conferenza stampa di lancio dell’iniziativa hanno partecipato tra gli altri Moni Ovadia che ha portato il suo sostegno all’iniziativa ricordando quanta sofferenza provoca questo ritardo nel riconoscere diritti e pari opportunità per tutti. Insieme a lui sono intervenuti Marco Mori del CIG – ArcigayMilano e Rosaria Iardino di Equality Milano. L’iniziativa segue quella analoga Teniamofamiglia.blogspot.com

Ti suggeriamo anche  "Civili ma non Abbastanza”, la campagna del Milano Pride 2018

Attualità

La Polonia potrebbe avere il suo primo presidente favorevole ai diritti LGBT: conosciamo Rafał Trzaskowski

E' Rafał Trzaskowski, già sindaco di Varsavia. Una possibile svolta per la Polonia omofoba che tristemente conosciamo.

di Alessandro Bovo