Andrea suicidato per “un fatto intimo”. Esclusa l’omofobia

Analizzando i contenuti del profilo Facebook di Andrea, gli inquirenti avrebbero escluso che a spingere al suicidio il giovane studente di Roma siano state vessazioni omofobe o bullismo.

Sebbene l’inchiesta sul 15enne suicidato a Roma non sia ancora terminata, gli inquirenti sarebbero pronti ad escludere che il movente del gesto sia da imputarsi a episodi di bullismo o omofobia. La Procura di Roma, che indaga sulla morte dello studente del Liceo Cavour avvenuta il 20 novembre scorso, in queste settimaneavrebbe analizzato i messaggi apparsi sul profilo Facebook del ragazzo e per quei contenuti sarebbero "portati ad escludere" che il giovane si sia suicidato perché oggetto di bullissimo o vessato per questioni omofobe.

Il procuratore aggiunto Pierfilippo Laviani e il sostituto Pantaleo Polifemo nei prossimi giorni sentiranno i genitori del ragazzo e i parenti, per tentare di individuare la "genesi del gesto", che potrebbe essere circoscritto a "un fatto intimo". Intenzione degli inquirenti è capire se in passato, nell’ambito familiare, ci fossero state avvisaglie di quanto poi avvenuto.

Ti suggeriamo anche  Studenti in affitto a Bologna: coinquilini e proprietari discriminano anche in base all'orientamento sessuale
Attualità

La Polonia potrebbe avere il suo primo presidente favorevole ai diritti LGBT: conosciamo Rafał Trzaskowski

E' Rafał Trzaskowski, già sindaco di Varsavia. Una possibile svolta per la Polonia omofoba che tristemente conosciamo.

di Alessandro Bovo