Blitz contro il Treviso Pride dei Veneto Skinheads: “L’Italia ha bisogno di culle, non di culattoni”

di

Blitz contro il Treviso Pride dei Veneto Skinheads: "L'Italia ha bisogno di culle, non di culattoni"Foto 1 -

Una nuova minaccia per il Treviso Pride: il gruppo di estrema destra Veneto Fronte Skinheads ha compiuto questa notte un blitz efferato contro la manifestazione che si svolgerà domani. Sugli striscioni si legge: "Non siete una priorità per gli italiani", "L'Italia ha bisogno di culle, non di culattoni". Le affissioni sono state anche rivendicate attraverso un comunicato, che riporta quanto segue:

Chi ha perversioni omosessuali le sfoghi pure all'interno delle proprie amicizie e tra le propria mura domestiche, ma non si arroghi il diritto di imporle al mondo come manifestazioni di libertà, di carattere culturale e tanto meno come opzione ad un modello tradizionale di famiglia. La richiesta pressante di diritti per gli omosessuali da parte delle lobby gay, vuole creare una “moda” che diventi esempio per i giovani, portandoli a credere in una pericolosa “normalità” deviata, oltre ad essere tutto un preparativo per aprire le porte alle adozioni. Non condividiamo il gay pride perché rappresenta uno stile di vita che ci appare contro-natura e rischia di influenzare negativamente la mentalità soprattutto dei nostri figli. Per noi la famiglia è una soltanto: quella che genera la vita...in modo naturale!
Solo poche ora fa avevamo parlato della lettera anonima ricevuta da uno sponsor del Pride e delle dichiarazioni omofobe dell'ex sindaco Gentilini. Ma il Pride, più coraggioso che mai, ci sarà e sarà ancora più significativo.

Leggi l'articolo > > >

Schermata 2016-06-17 alle 16.00.17
Blitz contro il Treviso Pride dei Veneto Skinheads: \"L\
Blitz contro il Treviso Pride dei Veneto Skinheads: "L'Italia ha bisogno di culle, non di culattoni"Foto 2 -

Una nuova minaccia per il Treviso Pride: il gruppo di estrema destra Veneto Fronte Skinheads ha compiuto questa notte un blitz efferato contro la manifestazione che si svolgerà domani. Sugli striscioni si legge: "Non siete una priorità per gli italiani", "L'Italia ha bisogno di culle, non di culattoni". Le affissioni sono state anche rivendicate attraverso un comunicato, che riporta quanto segue:

Chi ha perversioni omosessuali le sfoghi pure all'interno delle proprie amicizie e tra le propria mura domestiche, ma non si arroghi il diritto di imporle al mondo come manifestazioni di libertà, di carattere culturale e tanto meno come opzione ad un modello tradizionale di famiglia. La richiesta pressante di diritti per gli omosessuali da parte delle lobby gay, vuole creare una “moda” che diventi esempio per i giovani, portandoli a credere in una pericolosa “normalità” deviata, oltre ad essere tutto un preparativo per aprire le porte alle adozioni. Non condividiamo il gay pride perché rappresenta uno stile di vita che ci appare contro-natura e rischia di influenzare negativamente la mentalità soprattutto dei nostri figli. Per noi la famiglia è una soltanto: quella che genera la vita...in modo naturale!
Solo poche ora fa avevamo parlato della lettera anonima ricevuta da uno sponsor del Pride e delle dichiarazioni omofobe dell'ex sindaco Gentilini. Ma il Pride, più coraggioso che mai, ci sarà e sarà ancora più significativo.

Leggi l'articolo > > >

Schermata 2016-06-17 alle 16.00.17
Blitz contro il Treviso Pride dei Veneto Skinheads: \"L\
Blitz contro il Treviso Pride dei Veneto Skinheads: "L'Italia ha bisogno di culle, non di culattoni"Foto 3 -

Una nuova minaccia per il Treviso Pride: il gruppo di estrema destra Veneto Fronte Skinheads ha compiuto questa notte un blitz efferato contro la manifestazione che si svolgerà domani. Sugli striscioni si legge: "Non siete una priorità per gli italiani", "L'Italia ha bisogno di culle, non di culattoni". Le affissioni sono state anche rivendicate attraverso un comunicato, che riporta quanto segue:

Chi ha perversioni omosessuali le sfoghi pure all'interno delle proprie amicizie e tra le propria mura domestiche, ma non si arroghi il diritto di imporle al mondo come manifestazioni di libertà, di carattere culturale e tanto meno come opzione ad un modello tradizionale di famiglia. La richiesta pressante di diritti per gli omosessuali da parte delle lobby gay, vuole creare una “moda” che diventi esempio per i giovani, portandoli a credere in una pericolosa “normalità” deviata, oltre ad essere tutto un preparativo per aprire le porte alle adozioni. Non condividiamo il gay pride perché rappresenta uno stile di vita che ci appare contro-natura e rischia di influenzare negativamente la mentalità soprattutto dei nostri figli. Per noi la famiglia è una soltanto: quella che genera la vita...in modo naturale!
Solo poche ora fa avevamo parlato della lettera anonima ricevuta da uno sponsor del Pride e delle dichiarazioni omofobe dell'ex sindaco Gentilini. Ma il Pride, più coraggioso che mai, ci sarà e sarà ancora più significativo.

Leggi l'articolo > > >

Schermata 2016-06-17 alle 16.00.17
Blitz contro il Treviso Pride dei Veneto Skinheads: \"L\
Blitz contro il Treviso Pride dei Veneto Skinheads: "L'Italia ha bisogno di culle, non di culattoni"Foto 4 -

Una nuova minaccia per il Treviso Pride: il gruppo di estrema destra Veneto Fronte Skinheads ha compiuto questa notte un blitz efferato contro la manifestazione che si svolgerà domani. Sugli striscioni si legge: "Non siete una priorità per gli italiani", "L'Italia ha bisogno di culle, non di culattoni". Le affissioni sono state anche rivendicate attraverso un comunicato, che riporta quanto segue:

Chi ha perversioni omosessuali le sfoghi pure all'interno delle proprie amicizie e tra le propria mura domestiche, ma non si arroghi il diritto di imporle al mondo come manifestazioni di libertà, di carattere culturale e tanto meno come opzione ad un modello tradizionale di famiglia. La richiesta pressante di diritti per gli omosessuali da parte delle lobby gay, vuole creare una “moda” che diventi esempio per i giovani, portandoli a credere in una pericolosa “normalità” deviata, oltre ad essere tutto un preparativo per aprire le porte alle adozioni. Non condividiamo il gay pride perché rappresenta uno stile di vita che ci appare contro-natura e rischia di influenzare negativamente la mentalità soprattutto dei nostri figli. Per noi la famiglia è una soltanto: quella che genera la vita...in modo naturale!
Solo poche ora fa avevamo parlato della lettera anonima ricevuta da uno sponsor del Pride e delle dichiarazioni omofobe dell'ex sindaco Gentilini. Ma il Pride, più coraggioso che mai, ci sarà e sarà ancora più significativo.

Leggi l'articolo > > >

Schermata 2016-06-17 alle 16.00.17
Blitz contro il Treviso Pride dei Veneto Skinheads: \"L\
CONDIVIDI
7 Condivisioni Facebook 7 Twitter Google WhatsApp
3700 0

Una nuova minaccia per il Treviso Pride: il gruppo di estrema destra Veneto Fronte Skinheads ha compiuto questa notte un blitz efferato contro la manifestazione che si svolgerà domani. Sugli striscioni si legge: “Non siete una priorità per gli italiani”, “L’Italia ha bisogno di culle, non di culattoni”. Le affissioni sono state anche rivendicate attraverso un comunicato, che riporta quanto segue:

Chi ha perversioni omosessuali le sfoghi pure all’interno delle proprie amicizie e tra le propria mura domestiche, ma non si arroghi il diritto di imporle al mondo come manifestazioni di libertà, di carattere culturale e tanto meno come opzione ad un modello tradizionale di famiglia. La richiesta pressante di diritti per gli omosessuali da parte delle lobby gay, vuole creare una “moda” che diventi esempio per i giovani, portandoli a credere in una pericolosa “normalità” deviata, oltre ad essere tutto un preparativo per aprire le porte alle adozioni. Non condividiamo il gay pride perché rappresenta uno stile di vita che ci appare contro-natura e rischia di influenzare negativamente la mentalità soprattutto dei nostri figli. Per noi la famiglia è una soltanto: quella che genera la vita…in modo naturale!

Solo poche ora fa avevamo parlato della lettera anonima ricevuta da uno sponsor del Pride e delle dichiarazioni omofobe dell’ex sindaco Gentilini. Ma il Pride, più coraggioso che mai, ci sarà e sarà ancora più significativo.

Leggi l’articolo > > >

Schermata 2016-06-17 alle 16.00.17

Leggi   Nuova Zelanda, pasticciere si rifiuta di fare una torta per un matrimonio tra due donne
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...