24/08/2011 – Sorpresa: dai risultati del test consegnati alla famiglia di Amy Winehouse non emergono sostanza illegali nel corpo al momento della morte. Quello che sembrava scontato, quindi, non lo è, e per la cantante è tutto da ripensare.

24/08/2011 – Sorpresa: dai risultati del test consegnati alla famiglia di Amy Winehouse non emergono sostanza illegali nel corpo al momento della morte. Quello che sembrava scontato, quindi, non lo è, e per la cantante è tutto da ripensare.

Foto del giorno di Mercoledì 24 Agosto 2011 1/1 Foto del giorno di Mercoledì 24 Agosto 2011
Foto 1 - 24/08/2011 - Sorpresa: dai risultati del test consegnati alla famiglia di Amy Winehouse non emergono sostanza illegali nel corpo al momento della morte. Quello che sembrava scontato, quindi, non lo è, e per la cantante è tutto da ripensare.
Cultura

Cos’è lo Shudō, l’amore omosex dei Samurai

In Giappone, lo shudō ha un'origine antichissima.

di Alessandro Bovo