Nella scuola dove è vietato mettere foto gay su FB, si può fumare

di

Emerge anche la "foto incriminata" che avrebbe fatto scattare l'allucinante punizione

Emerge anche la "foto incriminata" che avrebbe fatto scattare l'allucinante punizioneNella scuola dove è vietato mettere foto gay su FB, si può fumareFoto 1 - Emerge anche la "foto incriminata" che avrebbe fatto scattare l'allucinante punizione
Nella scuola dove è vietato mettere foto gay su FB, si può fumare
Nella scuola dove è vietato mettere foto gay su FB, si può fumareFoto 2 - Emerge anche la "foto incriminata" che avrebbe fatto scattare l'allucinante punizione
Nella scuola dove è vietato mettere foto gay su FB, si può fumare
Nella scuola dove è vietato mettere foto gay su FB, si può fumareFoto 3 - Emerge anche la "foto incriminata" che avrebbe fatto scattare l'allucinante punizione
Nella scuola dove è vietato mettere foto gay su FB, si può fumare
Nella scuola dove è vietato mettere foto gay su FB, si può fumareFoto 4 - Emerge anche la "foto incriminata" che avrebbe fatto scattare l'allucinante punizione
Nella scuola dove è vietato mettere foto gay su FB, si può fumare
Nella scuola dove è vietato mettere foto gay su FB, si può fumareFoto 5 - Emerge anche la "foto incriminata" che avrebbe fatto scattare l'allucinante punizione
Nella scuola dove è vietato mettere foto gay su FB, si può fumare
CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
14956 2

Mentre emerge finalmente la “foto incriminata“, quella che avrebbe indotto il dirigente della scuola ECFOP di Monza ad allontanare un ragazzo dalle lezioni perchè gay (dovrebbe essere la prima della gallery, scattata questa estate in riviera romagnola), emergono altri dettagli grazie al Giornale di Monza che sull’ECFOP ha realizzato una vera e propria inchiesta. In questa scuola paritaria, infatti, si può liberamente fumare, mentre non pare sia permesso farsi fotografare mentre si abbraccia in vacanza una persona del proprio stesso sesso e mettere la foto su Facebook, pena rimanere per ore nel corridoio in punizione.

Infatti, come rivela Il Giornale di Monza, a scuola si può fumare tranquillamente perché – a differenza di tutti gli altri istituti pubblici in cui è vietato – in via Manara il cortile esterno è attrezzato proprio perché anche i ragazzi possano accendersi una sigaretta tra una lezione e l’altra. Cosa che fanno sistematicamente. Non è un mistero e lo testimonia anche il grosso posacenere pieno di mozziconi lasciato dopo la fine dell’intervallo. Poi lo conferma candidamente anche un bidello: «Se volete fumare dovete uscire in cortile, lì è stata attrezzata l’area fumatori», ci dice (ma chi scrive non fuma). Ma anche per i ragazzi? «Sì».

Peccato che la legge – ricorda il quotidiano locale monzese – preveda che sia vietato fumare in tutti i locali scolastici, anche quelli esterni, pena una sanzione che parte dai 55 euro (che molti presidi si sono già trovati a comminare, a Monza come nel resto d’Italia). E’ proprio l’articolo 4 del DL 12 settembre 2013, n. 104 che estende il divieto di fumo anche all’esterno della scuola purché pertinenza della stessa con l’espressa precisazione che il preposto incaricato non può rifiutare il detto incarico.

Leggi   Coppia gay di Las Vegas picchiata davanti casa. Nessun vicino è intervenuto per difenderli
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...