12mila vogliono baciarsi davanti al Papa. Facebook censura

Chiuso il gruppo che raccoglieva 12 mila partecipanti gay e lesbiche al “Queer Kissing Flashmob” organizzato in occasione dell’Angelus dalla piazza della Sagrada Familia di Barcellona.

In Spagna gay e lesbiche si stanno organizzando per un bacio collettivo da scambiarsi davanti al Papa in occasione della sua visita a Barcellona. Ma il gruppo su Facebook che raccoglieva i 12 mila che si erano iscritti per partecipare all’evento è stato chiuso. Così gli organizzatori del "Queer Kissing Flashmob" si sono trovati improvvisamente senza una casa, senza quel luogo globale utile per diffondere i dettagli dell’evento e per aprire discussioni sull’organizzazione e la riuscita del kiss-in.

La manifestazione si terrà comunque nella città catalana il prossimo 7 novembre nella piazza antistante la cattedrale della Sagrada Familia. Un evento che, al contrario delle manifestazioni anticlericali organizzate quando Benedetto XVI visitò Londra, non potranno essere ignorate dalla stampa visto che il luogo stesso dell’evento sarà il palco dal quale le telecamere riprenderanno il pontefice durante il suo Angelus.

Non è certo la prima volta che il social network sbarra la strada ad iniziative simili. Tutto ciò che è sessualmente controverso sul Facebook semplicemente non passa, al contrario invece dei gruppi che incitano all’odio e sui quali non viene usata la stesa mano pesante. Nel frattempo, il gruppo "Visita DEL PAPA Benedicto XVI a Santiago de Compostela y Barcelona" aperto dalla conferenza episcopale spagnola stenta a decollare. I partecipanti risultano essere appena un centinaio.

Ti suggeriamo anche  Re Felipe VI, storico messaggio alla comunità LGBT spagnola