25 aprile: festa di liberazione anche per i gay

di

Ieri in tutta Italia si ricordava la giornata della Liberazione dal regime nazifascista. A Bologna omaggio alle vittime omosessuali di quegli anni, per non dimenticare.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1393 0

BOLOGNA – Il 25 aprile 2006 è stato celebrato il 61° anniversario della Liberazione dal nazifascismo, giornata simbolo della libertà riconquistata degli italiani dopo anni di dittatura. A seguito dell’alleanza tra Mussolini e Hitler l’Italia sperimentò la drastica riduzione delle libertà individuali. In seguito all’introduzione delle leggi razziali e la propagazione delle teorie sulla purezza della razza ci furono l’arresto e le deportazioni al confino o nei campi di concentramento come Auschwitz, Buchenwald, Dachau per ebrei, omosessuali, zingari, malati di mente. Gli oppositori politici furono messi in galera per lunghi anni o uccisi. Ieri a Bologna, nei giardini del parco Cassarini di Porta Saragozza, sono state ricordate anche le vittime omosessuali del nazifascismo con una celebrazione avvenuta alla lapide che le ricorda, organizzata da Arcigay Il Cassero, Arcilesbica Bologna e M.I.T., Movimento italiano transessuali. Sono intervenuti l’assessore del Comune di Bologna Libero Mancuso e le rappresentanze del Quartiere Saragozza e dell’Anpi.
Mancuso è stato il rappresentate l’Amministrazione comunale alla cerimonia in memoria delle varie centinaia di migliaia di omosessuali vittime del nazi-fascismo. “La festa della Liberazione” ha dichiarato l’ex magistrato “deve rilanciare la cultura della pace, in difesa della Costituzione che è contraria a pregiudizi, violenze e discriminazioni. Il pregiudizio e l’intolleranza allignano dentro di noi: vanno scacciati con il rispetto.” Ricordando l’importanza dei valori fondamentali che rappresentano la nostra identità nazionale è stata anche lanciata la campagna a difesa della Costituzione in vista del prossimo referendum. (RT)

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...