Abusi nella squadra di football a Venezia. Chiesto 1 milione di euro

Allenatori e giocatori di una squadra di football di Venezia accusati di violenza sessuale di gruppo. Avrebber abusato di un compagno durante una traserta in pullmann. La difesa: “atti goliardici”.

Violenza sessuale per l’accusa. «Atti goliardici» per la difesa. Alla sbarra, per il reato di violenza sessuale di gruppo, andranno due allenatori e cinque giocatori della formazione di football americano Islanders di Venezia: tutti rinviati a giudizio nell’udienza in calendario il 5 febbraio. Secondo l’imputazione formulata dal pm del tribunale di Venezia Lucia D’Alessandro il gruppo avrebbe abusato di un giocatore 23enne sul pullman che riconduceva la squadra a casa dopo una trasferta a Venezia nel giugno del 2011.

Se per i difensori degli imputati, come indica il Gazzettino, si trattò di «atti goliardici» come una sorta di rito iniziatorio, per l’atleta appena arrivato in squadra, l’accusa parla chiaramente di abusi sessuali. Lo stesso giovane giocatore, che si è costituito parte civile chiedendo un risarcimento di un milione di euro, avrebbe subito uno choc psicologico tale da entrare in terapia e sarebbe stato costretto ad abbandonare la facoltà universitaria dov’era iscritto.

Ti suggeriamo anche  Trans e sport, l'Uisp apre alla procedura Alias. Le associazioni LGBT: "Una vittoria"