Affermazioni omofobe nel governo yugoslavo

Parecchie associazioni gay e lesbiche yugoslave hanno vivamente protestato contro Miroslav Milosevic, il capo del dipartimento per la Legalità delle operazioni, che dipende dal ministero dell’Interno.

Parecchie associazioni gay e lesbiche yugoslave hanno vivamente protestato contro Miroslav Milosevic, il capo del dipartimento per la Legalità delle operazioni, che dipende dal ministero dell’Interno.

Secondo quanto riportato nel settimanale Nedeljini Telegraf del 6 febbraio, Miroslav Milosevic avrebbe dichiarato di voler sbarazzare la polizia dai "criminali, i corrotti, gli omosessuali, i tossicomani e i buoni a nulla". Le associazioni hanno denunciato l’omofobia di queste dichiarazioni.

E’ possibile sostenere le loro azioni di protesta, scrivendo al Ministero degli Affari Interni, Ministrastvo unutrasnjih poslova, Dusan Mihajlovic, Nemanjina 11, 11000 Beograd, Yugoslavia. Un modello di lettera di protesta in lingua si trova all’indirizzo http://www.womenngo.org.yu/labris cliccando su "REAGUJEMO".

Ti suggeriamo anche  Russia 2018, coppia gay aggredita e rapinata