Aggressione omofoba ad Ivrea

Aggredito il fondatore della rivista gay ‘Contatti’ da quattro ragazzi, uno dei quali minorenne.

Ivrea (Torino). E’ stato aggredito a calci e a pugni in un luogo di battuage il fondatore della rivista di incontri gay ‘Contatti’.

Calogero Urruso, 32 anni di Pont-Saint Martin (Aosta), verso le 23.30 di sabato 16 si trovava nei pressi del cimitero, luogo di incontro segnalato nelle pagine della sua rivista.

Quattro giovani sono scesi da un’auto e dopo averlo insultato e minacciato hanno iniziato a picchiarlo, fratturandogli il naso. Dopo essere stato medicato al Pronto Soccorso, Urruso è tornato sul luogo dell’aggressione alla ricerca di alcuni oggetti smarriti e ha ritrovato il gruppo sul piazzale del cimitero, convinto di averla fatta franca. Ha così potuto prendere il numero di targa e chiamare la polizia.

Tre giovani, uno dei quali minorenne, sono stati denunciati con l’accusa di lesioni e rapina.

Già in passato sono stati segnalate aggressioni nei pressi del cimitero di Ivrea ma putroppo raramente sono state sporte denunce.

Solidarietà ad Urruso è stata espressa dal presidente del consiglio comunale di Ivrea, Andrea Benedino, del direttivo dell’Arcigay e dal segretario nazionale dell’Arcigay Aurelio Mancuso.

Ti suggeriamo anche  Il nuovo quadro contro l'omofobia di Benjamin Mascolo