Aggressione omofoba: preso a pugni, rimane cieco da un occhio

“Ero a terra e mi hanno colpito all’occhio. Non capivo perché il mio occhio non funzionasse più”.

Elliott Harvey, 26 anni, ha perso l’uso dell’occhio destro a causa di un’aggressione verificatosi a Melbourne, in Australia.

I fatti risalgono al 26 maggio scorso. Il ragazzo era appena uscito dal club Rubix quando è stato avvicinato da tre ragazzi sui vent’anni che hanno iniziato ad insultarlo per la sua pettinatura.

Penso che in particolare non gradissero la mia coda di cavallo“, ha raccontato il ragazzo. “Tutto quello che mi hanno gridato erano cose triviali, insulti omofobi. Abbiamo avuto qualche piccolo alterco che non ricordo bene e ad un certo punto mi hanno isolato e aggredito“.

Il ragazzo stato ripetutamente colpito con pugni diretti in testa e ad un occhio: “Ero a terra e mi hanno colpito all’occhio. Non capivo perché il mio occhio non funzionasse più. Non vedevo niente dall’occhio destro ed è una sensazione stranissima.

I medici non sono riusciti a fare nulla, nonostante i diversi interventi effettuati. L’occhio destro è irrecuperabile: “Questo cambia la mia vita drasticamente: non posso lavorare perché non posso guidare. Molte delle cose che mi facevano felice ora sono solo cose tristi“.

Grazie alle telecamere di sicurezza, la polizia di Victoria ha arrestato due dei presunti aggressori. Si tratta di due ragazzi di 19 e 20 anni. Si cerca intanto anche il terzo aggressore.

Ti suggeriamo anche  Grande Fratello Vip, Predolin e Jeremias contro Malgioglio: "Impicchiamolo, andrebbe pestato"