Aids, terapia diminuisce contagio da partner sieropositivo

di

Dopo l'efficacia della terapia assunta dopo un rapporto a rischio è stata documentata anche quella della profilassi pre-esposizione, utile quando in una coppia solo uno dei due è...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1839 0

Assumere la terpia antiretrovirale se si è sieronegativi può diminuire le probabilità di contagio del 73%. È quanto dimostrato dallo studio internazionale condotto il Kenia e Malawi che verrà presentato alla International Aids Society Conference che si apre a Roma il 17 luglio. I ricercatori coordinati dall’università di Washington hanno coinvolto nella ricerca 4.758 coppie in cui uno dei due membri era sieropositivo e l’altro no, divise in tre gruppi: ad uno è stato dato quotidianamente il farmaco Tenofovir, ad un altro il Tenofovir in combinazione con emtricitabina e ad un terzo un placebo.

Nel primo "braccio" le infezioni sono state il 63% in meno rispetto a quello con il placebo, mentre nel secondo il calo è stato del 73%: "Questo studio è il più grande mai fatto sull’efficacia della ‘PrEp’ (profilassi pre-esposizione) – afferma Connie Celum, il principale ricercatore coinvolto nel progetto, che è stato finanziato dalla Bill e Melinda Gates Foundation – dimostra che gli antiretrovirali sono una pietra miliare fondamentale nella prevenzione dell’Hiv, e dovrebbero diventare parte integrante degli sforzi in questo senso".

Lo studio conferma i risultati di un’altra ricerca, pubblicata lo scorso novembre dal New England Journal of Medicine, che però aveva suscitato molti dubbi sia per la questione dell’accesso ai farmaci, sia per il pericolo che una pillola che previene l’Aids porti a un aumento dei comportamenti a rischio.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Leggi   La parola all'esperto: HIV e AIDS, due mali ancora poco conosciuti
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...