Al via il campionato mondiale di calcio gay

Il fischio di inizio è stato dato ieri e il campionato durerà fino al 29 del mese. A partecipare 30 squadre di tutto il mondo per un totale di circa 500 atleti gay. Nella terra di Pelè e Maradona.

Dal 23 al 29 settembre si svolge a Buenos Aires, in cui le unioni civili tra omosessuali sono legali dal 2002,  la decima edizione della Coppa del mondo di calcio per lesbiche e gay. Trenta squadre in gara provenienti da nove nazioni in gara; formazione favorita, i San Francisco Spikes. 

Il mondiale è stato presentato da Manuel Diaz che dice di aspettarsi moltissimi di atleti, un numero certamente maggiore rispetto a quello delle edizioni precedenti.

Gli organizzatori comunicano che hanno già dato la propria disponibilità a partecipare al mondiale squadre di omosessuali di Uruguay, Perù, Brasile, Ecuador, Messico, Colombia e Venezuela, per un totale di circa 500 giocatori. Mentre il peruviano Tomas Gomez, presidente dell’Organizzazione calcistica Internazionale Gay

e Lesbiche (Iglfa) ha dichiarato che l’idea di portare il Mondiale in Sudamerica è ottima per promuovere il suo sviluppo in quel continente e per favorire l’adesione di squadre sudamericane che non avrebbero potuto partecipare altrove per mancanza di risorse economiche, come è infatti successo nelle edizioni precedenti. Gomez ha anche precisato che “la discriminazione esiste in molti ambiti della vita e non solamente verso le comunità omosessuali”. “Anche per questo si utilizza il gioco del calcio come una forma di attivismo a beneficio dei diritti degli omosessuali”.

Buenos Aires è stata scelta come sede lo scorso febbraio per l’edizione 2007 del Mondiale Gay di calcio che si disputeranno per la prima volta in Sudamerica, terra che ha dato i natali a legende della storia del calcio come Pelè e Diego Armando Maradona, precisamente durante questa settimana, dopo essere passati, tra

le altre, in città come Berlino, Colonia, Toronto, Washington, Chicago, Parigi, Londra, San Francisco, Boston e Copenaghen.

Ti suggeriamo anche  Violenza al Pride di Buenos Aires: uomo picchiato con una mazza da hockey

Tra le squadre che parteciperanno, naturalmente, c’è anche quella di Stonewall i cui 23 giocatori titolari faranno di tutto per mantenere il titolo mondiale conquistato durante l’ultimo campionato.