Al via Nessun Dorma: “Un appello contro la crisi di diritti”

Con un piccolo corteo sulla marina di Torre del Lago è iniziata la seconda festa nazinale dei Giovani Democratici. Il Presidente: “E’ un luogo simbolico: diritti ed economia di pari passo”.

Con un corteo improvvistato, i giovani del Pd hanno dato il via alla loro seconda festa nazionale che si intitola, significativamente, "Nessun Dorma" e che quest’anno si tiene in un luogo scelto per il suo significato politico e sociale: Torre del Lago, patria del turismo gay. Al momento, si contano circa 600 persone giunte in Versilia per partecipare alla festa.

I ragazzi, arrivati da tutta Italia per partecipare all’evento che si concluderà domenica 1 agosto, sono arrivati lungo la marina di Torre del Lago improvvisando un corteo partito dai campeggi dove alloggiano.

La mini-parata si è fermata davanti al Priscilla, storico locale lgbt di viale Europa dove il presidente dei Giovani Democratici Fausto Raciti ha inaugurato l’evento dando il via, di fatto, alle iniziative previste in questi giorni.

All’inaugurazione erano presenti la presidente del Consorzio Friendly Versilia Regina Satariano e Alessio De Giorgi, amministratore delegato di Gay.it.

"Nessun Dorma è un appello a quel pezzo d’Italia che in questo momento è in deficit per la crisi di denaro e di diritti – ha dichiarato Raciti al momento del taglio del nastro -. E Torre del Lago in questo senso è un luogo fortemente simbolico dove economia e diritti vanno di pari passo".

In serata è previsto il primo incontro di rilievo. Sul palco allestito per la festa su viale Europa salirà infatti Massimo d’Alema. Domani sera, invece, avranno inizio i concerti che si susseguiranno fino a sabat, mentre l’arrivo del segretario del partito Pier Luigi Bersani è previsto per venerdì e a intervistarlo sarà l’irriverente Zoro.

Ti suggeriamo anche  Torre del Lago, il Comune di Viareggio dice no alla spiaggia gay del MamaMia