Alemanno: “Sbagliati registri civili approvati nei municipi”

Il sindaco di Roma liquida così i provvedimenti approvati da due municipi romani: “Studieremo politiche solo verso le famiglie basate sul matrimonio”. Leonori, Pd: “Lavori al servizio dei cittadini”.

L’approvazione dei registri delle unioni civili in due municipi romani non avrà alcun valore per il sindaco Alemanno che in tema di politiche sulla famiglia si è espresso molto chiaramente. «I registri per le unioni civili che sono stati istituiti in alcuni municipi della città – ha dichiarato il primo cittadino della Capitale – sono un intervento sbagliato che ha il sapore della provocazione ideologica più che della reale attenzione alla famiglia». «La nosta attenzione – ha ribadito Alemanno – è rivolta alla famiglia sancita dal matrimonio. Studieremo politiche verso le famiglie fondate sul matrimonio».

Ad Alemanno ha risposto Marta Leonori, membro della direzione nazionale dei democratici e candidata alle primarie per l’elezione del segretario regionale del Pd Lazio.

«I registri sulle unioni civili promossi in alcuni municipi di Roma colmano una lacuna che il nostro Parlamento non è ancora riuscito in questi anni a risolvere – ha commentato Leonori -, privando il Paese di una legislazione avanzata in materia. Il sindaco Alemanno dovrebbe limitare le sue affermazioni ideologiche e lavorare al servizio dei cittadini, che non hanno bisogno di discriminazioni ma di veder riconosciuti i propri diritti. Alemanno non può essere il sindaco di tutti solo quando aumenta le tasse e poi dimenticarsi che migliaia di cittadini romani sono per scelta o per necessità “costretti” a convivere visto che, proprio a partire dal Campidoglio, non sono state messe in campo politiche efficaci in sostegno delle coppie più giovani».