Allenatore cacciato dall’oratorio: “È gay ed è diseducativo”

di

Il parroco di un oratorio caccia l'allenatore della squadra dopo aver saputo che è omosessuale. I ragazzi raccolgono le firme per chiedere al prete di cambiare idea, ma...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
2844 0

"Don Flavio ha la sua idea, dice che non è educativo avere un allenatore gay ma neanche quello che fa fatto lui, cioè cacciarmi, è educativo e quindi cade in un controsenso, ha cercato solo di giustificarsi". Inizia così lo sfogo di Luciano Dicoladonato, 37enne allenatore di una squadra di calcio dell’oratorio della parrocchia dei Santi Ambrogio e Carlo a Cesano Maderno, nel monzese.

"Ho saputo dell’allontanamento ai primi di luglio – spiega all’Adnkronos – quando probabilmente don Flavio ha saputo della mia omosessualità. Subito dopo è iniziata una raccolta di firme da parte dei ragazzi che alleno chiedendo al sacerdote di cambiare idea. Questo non è avvenuto e quindi ho deciso di dare un input alla vicenda parlando con i giornali perché voglio che l’omosessualità smetta di essere confusa e scambiata per pedofilia". E rimarca che la sua omosessualità "non ha mai creato problemi nel mio mestiere di allenatore, di molti ragazzi sono amico e tutti hanno sempre accettato il mio orientamento sessuale. Non è vero – precisa – quanto scrivono alcuni giornali che io sarei stato allontanato anche dall’oratorio di Baruccana perché inadeguato. Sono stato allontanato da lì perché la squadra si è disfatta".

Il mister non denuncerà il sacerdote "perché voglio tutelare il nome della società e dei ragazzi. Piuttosto mi faccio da parte io e me ne vado". Luciano spiega che da quando si è diffusa la notizia la sua vita è "diventata estenuante, il telefono di casa squilla in continuazione. Sono preoccupato perché mia madre non sa della mia omosessualità e se lo scoprisse adesso potrebbe venirle un infarto".

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Leggi   Tim Cook, 'sono orgoglioso di essere gay, è il più grande dono che Dio potesse farmi'
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...