Amministrative Roma: Ballottaggio per Rutelli e Zingaretti

di

Nno passano al primo turno i candidati più friendly Rutelli e Zingaretti. Scarso il risultato di Franco Grillini che non raggiunge l'1%. Chi sosterranno i candidati minori?

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1629 0

La lotta alle amministrative alla Provincia e al Comune di Roma durerà ancora due settimane. In entrambi i casi, infatti, il candidato del centrosinistra ha conquistato al primo turno un maggior numero di preferenze, ma non tale da evitare il ballottaggio.

Per quel che riguarda il Campidoglio, Francesco Rutelli (candidato sostenuto dal Pd, dalla Sinistra Arcobaleno, dall’Italia dei valori e varie liste civiche) ha ottenuto 761.126 voti, pari al 45,8% delle preferenze. Di contro Gianni Alemanno, sostenuto dal Pdl, ha ottenuto un 40,7% (677.350 i voti per lui). Dati sorprendenti se confrontati con le comunali del 2006: Walter Veltroni passò al primo turno con un plebiscitario 61,4%, mentre Alemanno (sì, cera ancora lui) si fermò ad un 37,1%. A Roma, comunque, il Pdl è risultato il partito più votato, con 553.864 voti (36,5%), mentre il Pd è stato staccato di quasi due punti e mezzo (515.557 voti, pari al 34%).

Il ballottaggio si svolgerà in due gioante, il 27 e 28 aprile e saranno decisivi i voti dati al primo turno ai candidati minori.

Fra questi, il più votato è stato Francesco Storace della Destra-Fiamma Tricolore (3,3%) che scioglierà le proprie riserve domani. Luciano Ciocchetti dell’Udc ha conquistato un 3,1% mentre Franco Grillini dei Socialisti uno scarso 0,8%, sempre più di Mario Baccini della Rosa Bianca (0,7%).

Secondo Rutelli ha comunque detto che «i dati definitivi sono 84mila voti di vantaggio, pari a una città».

Per quanto riguarda le provinciali, turno mancato anche per il gay friendly Nicola Zingaretti, candidato del centrosinistra che ha riscosso il 46,9% delle preferenze contro il 37,1% di Alfredo Antoniozzi, candidato del Pdl.

Quest’ultimo ha definito «antistoriche e ormai superate» le coalizioni che sostengono Rutelli e Zingaretti, i quali avrebbero tenuto «atteggiamenti spocchiosi, supponenti e trionfalistici», che si sarebbero però "arenati sullo scoglio rappresentato dai cittadini».

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...