Angry Goy II, il gioco neo-nazista in cui uccidere gay e altre minoranze per salvare Donald Trump

L’ultima follia videoludica è firmata Christopher Cantwell, tristemente celebre estremista bianco d’America.

Si chiama Angry Goy II l’ultima follia videoludica comparsa on line.

Un gioco neo-nazista in cui il giocatore è chiamato ad uccidere omosessuali, ebrei e altre minoranze per salvare il presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump. Protagonista del videogame il suprematista bianco Christopher Cantwell, ovvero colui che aveva organizzato la manifestazione di estrema destra dello scorso anno a Charlottesville, tristemente diventata celebre. Altra opzione, per il gircatore, quella di interpretare Richard Spencer, con cui massacrare i “terroristi di sinistra” per salvare il presidente.

Uno dei livelli del gioco è ambientato all’interno di un club gay chiamato “LGBTQ + Agenda HQ” . Inevitabile il collegamento alla strage del Pulse, locale di Orlando che nel 2016 pianse 49 vittime.

Il gioco include anche la possibilità di uccidere i giornalisti, affinché interrompano la diffusione di Fake News, termine assai caro a Trump e ai populisti di mezzo mondo. Cantwell ha promosso il gioco sulla sua homepage e lo ha collegato al sito Gab. “Angry Goy II è il gioco di maggior successo della stagione per tutti i maschi bianchi che si sono stancati delle cazzate ebraiche. “Invece di eliminare le tue frustrazioni su esseri umani reali, puoi combattere i bastardi e degenerare sul tuo computer!“, recita la folle descrizione.

La speranza, ovviamente, è che sia presto reso illegale.

LEGGI ANCHE

Storie

Intersex, l’Italia intervenga per tutelare i bambini: l’appello di Certi...

Tra i 21 Paesi UE senza una normativa adeguata sui diritti delle persone intersessuali, ovviamente, c'è l'Italia.

di Federico Boni | 16 Febbraio 2019

Storie

7 cose da non fare con una persona trans

Se non sapete come comportarvi davanti a delle persone transgender, vi diamo qualche consiglio.

di Eddie Fellino | 16 Febbraio 2019

Storie

Congresso Mondiale delle Famiglie: a marzo i personaggi più omofobi...

Un evento per tutte le famiglie? Certo che no! Solo quelle "normali".

di Alessandro Bovo | 16 Febbraio 2019