Approfittava dei compagni di scuola del figlio dicendosi gay

Un 45enne di reggio Emilia è stato arrestato con l’accusa di abusi nei confronti di cinque tredicenni amici del figlio. A uno di loro avrebbe spiegato di non essere pedofilo, ma omosessuale.

Approfittava dell’amicizia che legava quei ragazzini al figlio per avvicinarli e abusare di loro. Lui, un 45enne di Reggio Emilia, preferiva i giardini pubblici per entrare in contatto con le sue piccole vittime 13enni: a quanto pare, iniziava chiacchierando con loro e poi iniziava a toccarli fermandosi solo davanti alle eventuali reazioni dei ragazzini. Le indagini sull’uomo sono iniziare la scorsa estate quando i carabinieri sono venuti a conoscenza di presunte violense ai danni di cinque minorenni.

Oggi l’uomo è stato arrestato ins eguito ad un provvedimento restrittivo emesso dal Sostituto Procuratore di Reggio Emilia Maria Rita Pantani.  Sembra anche che durante uno degli abusi, per tranquillizzare la piccola vittima, l’uomo sia arrivato al punto di dirgli che non era un pedofilo, ma un gay. In più, una dei minorenni finiti nelle mani dell’uomo subiva abusi da molo tempo visto che, a quanto pare, il 45enne aveva cominciato a molestarlo fin da quando il ragazzino andava alle elemetari con il figlio.

Ti suggeriamo anche  Il film su Mario Mieli a rischio: la Lega potrebbe eliminare il contributo dello Stato