Arbitro espulso dalla sua associazione per avere punito un omofobo

di

Si è sentito chiamare "frocio" e prendere a calci da un giocatore che aveva espulso. Denunciata la cosa alla sua associazione, Joe Richardson è stato espulso.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
3137 0

Un arbitro di calcio inglese ha raccontato di essere stato espulso dopo essersi espresso contro un abuso omofobo.
Joe Richardson, che nella vita fa il web designer ed è di Dundee, ha raccontato al Daily Record di avere espulso un giocatore per comportamento violento. “Subito dopo – ha raccontato – ho ricevuto un calcio. Tutto quello che ho sentito da un tipo è stato ‘frocio’ e ‘finocchio grasso'”.
Il racconto prosegue: “Il mio partner mi ha riferito che uno di loro gli ha detto: ‘Spero tu sia orgoglioso del tuo fidanzato, ti spacco i denti’ – ha riferito l’uomo che è arbitro da 12 anni -. Ho chiamato l’associazione degli arbitri (la Angus and Perthshire Referees Association) e mi è stato detto che dovevo sbrogliarmela da solo, che era una questione penale”.

Dopo aver chiesto aiuto alla sua associazione di riferimento, Richardson ne è stato espulso, come lui stesso ha riferito.
Un portavoce della Scottish Football Association, ovvero la federazione nazionale, ha commentato: “Non possiamo commentare perché la SFA sarà l’organismo a cui l’arbitro si può rivolgere per fare appello”.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Leggi   Spirit Day, Britney Spears al fianco dei giovani LGBT vittime di omofobia
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...