Argentina: annullate definitivamente le prime nozze gay

E’ ancora un giudice a intervenire nella vicenda del primo matrimonio tra omosessuali in Argentina annullandolo per incostituzionalità. I due avrebbero dovuto sposarsi lo scorso 1 dicembre.

Il matrimonio tra Alejandro Freyre e José Maria Di Bello, che avrebbe dovuto tenersi lo scorso 1 dicembre e che era stato sospeso da un giudice in seguito ad un ricorso e in attesa che se ne decidesse l’ammissibilità, è stato del tutto annullato. Stando a quanto pubblica oggi il quotidiano Sur 54, il matrimonio civile tra Alejandro e José è stato annullato dal procuratore distrettuale, Karina Echazù, perché la Costituzione non dà alle coppie gay il diritto a sposarsi.

La storia del mancato matrimonio tra Alejandro e José, entrambi attivi nella lotta contro l’Aids, si è svolta tutta nelle aule dei tribunali argentini. Era stata, infatti, la giudice Gabriela Seijas  a concedere loro la possibilità di sposarsi il 13 novembre scorso, dichiarando incostituzionali gli articoli del codice civile che stabiliscono che matrimonio può esserci solo tra un uomo e una donna. Sempre un giudice, su ricorso di un cittadino, aveva sospeso le nozze proprio nel giorno in cui avrebbero dovuto svolgersi, non a caso l’1 dicembre (giornata mondiale della lotta all’Aids). E adesso un altro giudice nega definitivamente ai due la possibilità di sposarsi.

Ti suggeriamo anche  La prof insegna il "delitto gay" all'università: studenti in rivolta lanciano bacio collettivo