Arte: la mostra omosessuale ‘Vade retro’ si farà a Campione

L’esposizione censurata a luglio scorso dal sindaco di Milano Letizia Moratti sarà ospitata nei locali di un casinò a Campione d’Italia

Sarà il Casinò di Campione d’Italia ad ospitare la mostra ‘Vade Retro-Arte e omosessualità’, promossa da Vittorio Sgarbi, in programma a luglio a Milano ma mai aperta al pubblico perché annullata dal sindaco Letizia Moratti tra le polemiche. La data non è ancora stata fissata, ma la mostra si terrà nella sede della vecchia casa da gioco in riva al lago di Lugano indicativamente tra la fine do ottobre e la fine di febbraio. Dopo la bocciatura milanese della rassegna, tra i primi a farsi avanti con Sgarbi era stato l’attuale presidente del Casinò di Campione Mario Resca, che aveva invitato a cena il critico d’arte, mostrandogli la possibile sede (il vecchio Casinò con vista lago, che da pochi mesi è stato soppiantato dall’enorme e modernissima struttura progettata da Mario Botta). Altre località, ma in Svizzera, si erano offerte di ospitare la rassegna. Per l’allestimento, il Casinò investirà circa 230 mila euro. La mostra, curata da Eugenio Viola e organizzata da Artematica, propone opere di 150 artisti e indaga, per la prima volta in Italia, le connessioni tra arte e omosessualità a partire dall’antica Grecia.