ASIA MORTALE

3 – Dal rapporto di Amnesty International. Pena capitale per gli omosessuali in Cecenia, Arabia, Afghanistan. Frustate in Malaysia, bastonate in Indonesia.

L’Asia non è un continente sicuro per gli omosessuali. Secondo il rapporto di Amnesty International "Odio criminale, congiura del silenzio. Tortura e maltrattamento basati sull’identità sessuale", in molti Paesi viga la pena di morte per i gay. Molti gli episodi di violenze di ogni tipo e negazione sistematica dei diritti.

ARABIA SAUDITA
Il 16 aprile del 2000, l’Associated Press ha riferito che una Corte ha condannato nove giovani alla carcerazione e 2.600 frustate ciascuno per comportamento sessuale deviante. L’imposizione di tali pene per le relazioni omosessuali deve essere considerata nel contesto di repressione, di altre forme di comportamento sessuale consensuale, viste come una trasgressione ai severi codici religiosi e politici. Dove la discriminazione sessuale è conservata gelosamente nella legge, le donne accusate di ogni genere di attività sessuale fuori dal contesto matrimoniale sono particolarmente a rischio di pene severe. Secondo alcune interpretazioni della legge islamica (la Shari’a), le punizioni per le relazioni sessuali fuori dal matrimonio, incluso il comportamento omosessuale, possono avere conseguenze penali fino alla morte per lapidazione per chi è coniugato.

GIORDANIA
Un adolescente gay rifugiato negli Usa subì per anni violenze sessuali da un insegnante. Fuggì in Giordania nel 1999. Fu nuovamente stuprato. Quando andò a denunciare il fatto alla polizia fu deriso e minacciato di essere messo "in qualche luogo spaventoso" se li avesse ancora importunati. Decise di rivelare la sua omosessualità in famiglia, convinto di poter trovare protezione, dopo un tentato suicidio. Il padre s’infuriò, picchiandolo ripetutamente e cacciandolo fuori casa.

AFGHANISTAN
Nel 1998 e l’anno successivo, una corte formata dai Talebani hanno condannato almeno sei uomini ad essere schiacciati fino ad essere uccisi, colpevoli di sodomia.

Ti suggeriamo anche  Battute finali sul titolo di Libero: tocca a Luciana Littizzetto e Platinette

CECENIA
Il Codice Criminale della Shari’a prevede per gli atti omosessuali maschili la pena di morte.

INDIA
L’Unione del Popolo per le Libertà Civili-Karnataka ha documentato maltrattamenti ed estorsioni contro gay e uomini bisessuali ad opera della polizia, nei parchi e luoghi d’incontro nel Bangalore. Dieci uomini furono fermati nell’aprile 2000. Alcuni duramente picchiati, insultati e minacciati. Il timore che la loro scelta sessuale possa essere scoperta dai familiari, colleghi o vicini, scoraggia la maggior parte delle vittime dallo sporgere denuncia.

INDONESIA
Nel novembre 2000 una folla di 200 persone armate ha attaccato una conferenza a Djakarta, alla quale partecipavano più di 350 persone, tra cui rappresentanti di organizzazioni LGBT. Almeno 20 persone furono ferite. Gli aggressori terrorizzarono i partecipanti con randelli, spade, sedie e sbarre di ferro. La polizia interrogò 57 sospetti dopo l’aggressione. Furono tutti rilasciati.

MALAYSIA
Il rapporto carnale omosessuale è punito fino a 20 anni di carcere e con la fustigazione. Nel 1998 l’ex vice primo ministro Anwar Ibraim fu accusato di cattiva condotta sessuale, corruzione e minacce alla sicurezza nazionale. Arrestato e tenuto segregato fu definito dal primo ministro Mahathir: un sodomita, inadatto a governare. Prima di lui erano stati arrestati e condannati a sei mesi di carcere Munawar Anees, suo collaboratore e il fratello adottivo Anwar Ibrahim. Sotto tortura furono costretti a confessare di essere stati sodomizzati dall’ex vice primo ministro. Tra le torture e maltrattamenti sessuali furono costretti a denudarsi e simulare gli atti sessuali di cui erano accusati. Un altro uomo, Miol Abdur Razak fu accusato di offese sessuali che vedevano coinvolto Anwar Ibrahim. Amnesty International crede che le accuse siano una risposta politicamente motivata alle richieste di Anwar Ibrahim di una riforma politica. Nessuno dei torturatori è stato assicurato alla giustizia.

Ti suggeriamo anche  Coppia gay pugnalata negli Stati Uniti perché si teneva per mano

di Mario Cirrito