Asilo politico: si va avanti

Dopo la manifestazione milanese del 17 settembre, partono le prime richieste ufficiali all’ambasciata di Spagna. E a quanto pare laggiù qualcuno comincia ad ascoltare.

MILANO – E insomma si fa sul serio. Le richieste di asilo politico sono partite. Per la precisione 200 (e soltanto le prime, per chi volesse farsi avanti), inoltrate da cittadini e cittadini glbt che hanno aderito Adn., n.d.r.]. Prevediamo comunque di dare un seguito all’iniziativa, per esempio muovendoci in modo analogo su Roma, sede dell’ambasciata."

Ma l’asilo politico può davvero essere concesso? E soprattutto: lo volete? "Chiariamo una cosa: siamo persone che amano il proprio paese, e che non hanno realmente intenzione di chiedere asilo. Cosa che peraltro non sarebbe possibile, essendo cittadini dell’Unione. L’iniziativa nasce dalla necessità di avere un intermediario che porti la nostra istanza in Europa, dal momento che la politica italiana non accenna a muoversi. Siamo cittadini europei, e troviamo inammissibile che il nostro paese non faccia nulla. L’Europa non può esistere soltanto per la circolazione dei capitali e non sul piano dei diritii. Dal 1994 esistono direttive europee ben precise, che la politica italiana puntualmente ignora e disattende. Abbiamo scelto come interlocutore la Spagna, e non per esempio l’evolutissima Svezia, perché è un paese molto simile al nostro, che tuttavia negli ultimi anni ha fatto scelte di democrazia e inclusività qui inimmaginabili."

Ti suggeriamo anche  La pizzeria LGBT friendly di Milano Little Italy vittima di attacco omofobico