Asor Rosa e Michele Serra firmano per il PACS

di

Dopo la scrittrice Dacia Maraini, altri due grandi intellettuali hanno firmato nei giorni scorsi la petizione di "UN PACS AVANTI"

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
938 0

PADOVA – Dopo la scrittrice Dacia Maraini, altri due grandi intellettuali hanno firmato nei giorni scorsi la petizione di “UN PACS AVANTI”, campagna nazionale di mobilitazione per l’approvazione di una legge sul Patto Civile di Solidarietà (PACS), promossa da Arcigay con il sostegno di una larga fetta del movimento GLBT italiano.
Alberto Asor Rosa, intellettuale, critico letterario di fama mondiale e giornalista, era presente a Padova in un dibattito sul suo ultimo libro (“La guerra” edito da Einaudi), ed ha prontamente accettato di firmare per il PACS, augurandosi che la campagna possa avere buon fine.
Michele Serra, scrittore e giornalista, che più volte ha manifestato la sua adesione alle istanze del movimento omosessuale italiano, ha firmato la petizione di “UN PACS AVANTI” a Ferrara. In occasione della presentazione del suo ultimo libro (“Fantasmi” pubblicato dalla casa editrice Feltrinelli), il giornalista di “Repubblica” è stato avvicinato dai volontari dell’Arcigay “Circo Massimo” , a cui ha chiesto maggiori informazioni sui progetti di legge sul Patto Civile di Solidarietà.
Proprio a Ferrara l’11 Aprile prossimo si svolgerà un dibattito sul Patto Civile di Solidarietà in cui sarà possibile firmare la petizione. Interverranno Alessandro Zan, coordinatore nazionale della campagna “UN PACS AVANTI”, Franco Grillini, deputato DS e presidente onorario di Arcigay, Rosella Ottone, deputata DS del collegio Ferrara – centro, Alberto Ronchi, assessore alle Politiche Culturali del Comune di Ferrara, e Roberto Rosina, presidente dell’Arcigay “Circo Massimo”. La serata si svolgerà in Sala Estense, in piazza Municipale 4, alle ore 21.
Per maggiori informazioni: www.circomassimo.org
Documenti e informazioni sul PACS e sulla campagna all’indirizzo: www.unpacsavanti.it

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...