Aveva accennato a un papa gay. Condannato Croce.

Il Tribunale penale di Roma ha condannato l’editore Fabio Croce per aver alluso in un libro ad una “relazione particolare” tra il popolare attore Nino Castelnuovo e Giovanni Battista Montini.

ROMA – Il 30 novembre 2004 il Tribunale penale di Roma ha definitivamente condannato l’editore Fabio Croce per aver alluso nella prefazione del libro “Verbum dei et verbum gay” ad una “relazione particolare” tra il popolare attore Nino Castelnuovo e Giovanni Battista Montini. Secondo la sentenza, l’espressione “Amicizia particolare” andrebbe interpretata come relazione omosessuale e tale affermazione costituirebbe grave offesa, peraltro causa di perdita di lavoro per l’infamia che provoca nell’ambiente di lavoro stesso.

«In nessun paese occidentale – ha commentato Fabio Croce – un tribunale penale, negli ultimi anni, ha espresso tale condanna in relazione a un caso in cui un giornalista alluda all’omosessualità di un personaggio, perché dire omosessuale a una persona non costituisce insulto, come dire ladro, assassino, mafioso, e chi più ne ha più ne metta. Ci chiediamo: da ora in poi la sentenza farà giurisprudenza? E tutti i casi di “outing” che quotidianamente ascoltiamo o leggiamo, in cui si parla di tal ministro o tal prelato, di tal attore o calciatore, sono tutti a rischio di condanna penale e pecuniaria? Allora state tutti molto attenti, perché chiunque fa giornalismo o politica o saggistica rischia grosso in Italia!»

LEGGI ANCHE

Curiosità

James Trevino: muscoli, libri e creatività su Instagram

Chi ha detto che i libri si leggono e basta? Questo Instagrammer realizza anche vere opere d'arte!

di Alessandro Bovo | 2 Novembre 2018

Cultura

Buon Compleanno Elsa Morante

Autrice di capolavori assoluti, Elsa Morante nacque il 18 agosto 1912.

di Jonathan Bazzi | 18 Agosto 2018

Cultura

I soldati della Seconda Guerra Mondiale a nudo, letteralmente

È la raccolta fotografica di Taschen, che racconta l'intimità forte e paradossale che si crea tra i giovani sotto le...

di Giorgio Schimmenti | 7 Maggio 2018