Baci gay protagonisti contro l’omofobia

di

Presentati i manifesti di Arcigay per la giornata contro l'omofobia. Prese a modello le immagini ideate dal circolo locale di Udine e Pordenone che fecero scandalo perché raffiguravano...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1637 0

Parte da oggi la nuova campagna nazionale di sensibilizzazione contro l’omofobia realizzata da Arcigay, in collaborazione con altre 15 associazioni, in occasione della ricorrenza del 17 maggio, la Giornata internazionale contro l’omofobia. 15 mila manifesti, 8 mila locandine, 45 mila flyer, 50 città coinvolte, decine di iniziative su tutto il territorio nazionale, 15 le associazioni partner. Sono questi i numeri della campagna – la più importante di Arcigay di sempre – che ha come lato più visibile il manifesto che raffigura il bacio di due uomini e di due donne.

Le due immagini sono le stesse della campagna antiomofobia ideata dal circolo Arcigay locale di Udine e Pordenone e che già tanto clamore provocarono nella politica locale. "Civiltà, prodotto tipico italiano" è lo slogan sopra i due ragazzi e ragazze seduti a un tavolo imbandito. Sullo sfondo la bandiera italiana che richiama i festeggiamenti per i 150 anni dell’unità nazionale oltre che la richiesta di piena cittadinanza e dignità per queste famiglie. In evidenza su manifesti e locandine poi, il logo di Europride Roma 2011, manifestazione della visibilità e dell’orgoglio omosessuale e trans europeo, che si terrà a Roma dall’1 al 12 giugno prossimo e che ha, tra le sue finalità, l’abbattimento delle barriere culturali che ostacolano l’affermazione dei diritti e della libertà delle persone lgbt.

La Giornata internazionale contro l’omofobia e la transfobia è una ricorrenza promossa dall’Unione europea che si celebra il 17 maggio di ogni anno. L’obiettivo della giornata è quello di promuovere e coordinare eventi di sensibilizzazione e prevenzione per contrastare il fenomeno. In Italia la prima Giornata internazionale contro l’omofobia si è tenuta il 17 maggio 2005, a 15 anni esatti dalla rimozione dell’omosessualità dalla lista delle malattie mentali nella classificazione internazionale delle malattie pubblicata dall’Organizzazione mondiale della sanità

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Leggi   Adam Rippon vittima di omofobia a New York
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...