Barbara D’Urso invia un messaggio di sostegno al ragazzo gay aggredito a Cagliari

Un attacco diretto ai responsabili dell’ultima aggressione omofoba, quello fatto da Barbara D’Urso a sostegno del ragazzo di Cagliari.

E’ di due giorni fa la notizia di Gabriele Bergamin, un ragazzo di Cagliari insultato e aggredito da un gruppo di tre omofobi. Dall’esperienza di sabato scorso, il ragazzo in un post di Facebook ha sottolineato l’umiliazione che ha subito nell’essere offeso così pesantemente solo perché gay, e il dolore che ha provato non tanto per i colpi ricevuti, bensì per l’indifferenza della gente. E l’ormai paladina dei diritti LGBT Barbara D’Urso è intervenuta sui social, rispondendo direttamente al ragazzo e dimostrandogli tutto il suo sostegno.

Non lo ha fatto dal suo studio, davanti a una telecamera. I suoi programmi infatti non sono in onda nel periodo estivo. Ma lo ha fatto direttamente da casa, riprendendo proprio l’articolo di Gay.it, in cui si parlava appunto dell’ultima aggressione omofoba avvenuta in Italia.

Le parole di Barbara D’Urso a supporto del ragazzo

Attraverso i social, la conduttrice di Canale 5 ha scritto un messaggio di appoggio e di sostegno, come già ha fatto in precedenti casi. Dal messaggio della D’Urso, è nato poi un breve scambio di battute tra lei e lo stesso Gabriele, il quale ha ringraziato la donna per tutto quello che sta facendo per la comunità LGBT+, specialmente nell’ultimo anno.

Attraverso la sua pagina di Instagram e Twitter, la conduttrice aveva scritto:

Sono 12anni che lotto, che urlo, e non smetterò! Non ti abbattere Gabriele! Questi CRETINI pensano di essere uomini ma sono tutt’altro e prima o poi (volenti o nolenti) troveranno uno specchio per guardarsi! Lo stesso accadrà a chi ieri si è voltato dall’altra parte! #stopomofobia

Sotto al testo, ha riportato lo screenshot della notizia pubblica martedì sul nostro sito. Come risposta, Gabriele le ha scritto:

Ciao Barbara, sono il ragazzo dell’articolo e ti ringrazio per la tua condivisione. Al di là di ciò che mi è successo è importante che si parli di discriminazione, di qualunque tipo si tratti, e sono grato del tuo aiuto. Grazie ♡

Infine, la semplice replica di Barbara: “Ciao Gabriele. Sono con te. Sono con voi. Sempre“.

Ti suggeriamo anche  Coppia di adolescenti gay presa a pugni e colpi di casco: è successo a Palermo
Storie

Ricongiungimento familiare negato a coppia gay: cittadini di serie B anche ai tempi del Covid 19

Lontani da 3 mesi, a 2100 km di distanza, perché lo Stato non riconosce una coppia gay come famiglia che può riunirsi.

di Alessandro Bovo