Barilla ci riprova e punta sull’inclusione e la diversità

Dopo le polemiche sulle frasi omofobe pronunciate da Guido Barilla, le scuse e l’incontro con le associazioni lgbt, l’azienda lancia una nuoca policy e un Diversity & Inclusion Board.

Un Diversity & Inclusion Board, un Chief Diversity Officer e la partecipazione Corporate Equality Index. Sono i passi che, dopo la vicenda che ha coinvolto Barilla e l’ha resa bersaglio di una campagna di boicottaggio internazionale per le frasi omofobe espresse dal suo proprietario Guido Barilla , l’azienda italiana ha deciso di intraprendere per cambiare l’idea che la comunità lgbt si è fatta di lei.

Dopo l’incontro con i rappresentanti delle associazioni lgbt italiane, Barilla punta a dimostrare che vuole far seguire i fatti alle parole. Con un comunicato stampa diffuso tramite il proprio sito, il brand sinonimo di pasta italiana ha reso nota l’istituzione del Diversity & Inclusion Board (Consiglio sulla Diversità e l’Inclusione) “composto da esperti esterni indipendenti che aiuteranno Barilla a stabilire obiettivi e strategie concrete per migliorare lo stato di diversità e uguaglianza tra il personale e nella cultura aziendale in merito a orientamento sessuale, parità tra i sessi, diritti dei disabili e questioni multiculturali e intergenerazionali”.

Tra le persone coinvolte in questo consiglio, un nome spicca su tutti. E’ quello di David Mixner, figura di riferimento a livello globale per la comunità lgbt, docente universitario, sceneggiatore, giornalista e impegnato in progetti di prevenzione dell’AIDS in Africa e Ucraina.

“Sono lieto che Barilla abbia ricercato guida e consulenza all’esterno su questi temi fondamentali e sono onorato di essere stato coinvolto – ha dichiarato David Mixner, membro del Diversity & Inclusion Board -. Inoltre, sono rimasto colpito dalla volontà del Presidente e dell’azienda di ascoltare e imparare dai leader della comunità LGBT e di lavorare per migliorare diversità, inclusione e uguaglianza”.

Ti suggeriamo anche  Vittima di bullismo omofobo, 17enne si suicida - la commovente lettera della sorella

Talita Erickson, invece, avvocato di origine brasiliana, attuale Direttore Affari Legali di Barilla America, sarà la Chief Diversity Officer.

Claudio Colzani, amministratore delegato, ha dichiarato che adesso “il nostro impegno è volto a promuovere la diversità perché crediamo fermamente che sia la cosa giusta da fare”. “Diversità, inclusione e uguaglianza – ha continuato Colzani – sono da tempo parte integrante della cultura, dei valori e del codice etico di Barilla. Questi si riflettono nelle politiche e nei benefit offerti a tutto il personale, indipendentemente da età, disabilità, sesso, razza, religione o orientamento sessuale”.

Il prossimo anno, l’azienda lancerà un progetto per “coinvolgere le persone sui temi di diversità, inclusione e uguaglianza”. “I partecipanti – spiega l’azienda – saranno invitati a creare brevi video che rappresentino le molteplici sfaccettature della pasta. Le creatività saranno presentate alla comunità web che potrà esprimere il proprio apprezzamento, condividerli e votarli. I video saranno poi valutati da una giuria di esperti e i vincitori saranno premiati.

Infine la partecipazione al Corporate Equality Index (CEI), organismo creato dalla US Human Rights Campaign permetterà di misurare e valutare le politiche e pratiche messe in campo da Barilla proprio in tema di dipendenti lgbt.

“Siamo grati a coloro che hanno trovato il tempo di condividere i loro punti di vista con noi e di conoscere Barilla come azienda – ha dichiarato Luca Virginio, Direttore per la comunicazione e le relazioni esterne di Barilla -. Come impresa socialmente responsabile che serve e rispetta tutti i consumatori, sappiamo di dovere rafforzare il nostro impegno”.